Salta al contenuto principale

Impianti di Termovalorizzazione

Bergamo

L’impianto di proprietà della società A2A Ambiente è finalizzato alla produzione di energia elettrica e di calore da distribuire attraverso la rete di teleriscaldamento della città di Bergamo.

Il Termovalorizzatore, utilizza come combustibile il CDR/CSS (Combustibile Derivato da Rifiuto o Combustibile Solido Secondario), prodotto con i rifiuti urbani che residuano a valle della raccolta differenziata.
A fronte di un impiego di circa 60.000 t/anno di CDR/CSS, con potere calorifico di riferimento mediamente pari a 16.000 kJ/kg, l’impianto genera circa 50 GWh di energia elettrica pari al fabbisogno annuo di circa 20.000 famiglie equivalenti e fornisce il riscaldamento e l’acqua igienico sanitaria per l’equivalente di circa 16.000 unità abitative di medie dimensioni.

L’impiego di risorse energetiche alternative che permettono un risparmio annuo di circa 18.000 TEP di energia, l’efficienza della trasformazione con cogenerazione di energia elettrica e calore, e la riduzione delle emissioni di biossido di carbonio per un equivalente di circa 36.000 tonnellate annue, sono tutti aspetti che allineano il funzionamento dell’impianto alle indicazioni dei più avanzati e recenti piani d’azione adottati in campo energetico.

Storia 

L'impianto, entrato in funzione nel 2003, si colloca nella zona industriale della città in un'area che sin dagli anni '60 ospita impianti di igiene urbana, come il primo inceneritore per rifiuti e un impianto per la depurazione delle acque reflue.

Specifiche impianto
Regione Lombardia
Ubicazione Bergamo, Area Tecnologica
Tipologia Termovalorizzazione
Combustibile CSS (combustibile solido secondario)
Potenza installata 10,6 MWe (con potenzialità di cogenerare fino a 25 MWt)
Unità di produzione 1 linea di combustione per CSS/CDR
Anno entrata in esercizio 2003
Certificazioni

ISO 9001 (Qualità)
ISO 14001 e EMAS (Ambiente)
OHSAS 18001 (Sicurezza)

Approfondimenti

Le emissioni sono controllate 24 ore su 24 da specifiche apparecchiature. I dati sulle emissioni vengono aggiornati e pubblicati settimanalmente.

L’esercizio del Termovalorizzatore consente di risparmiare circa 18.000 TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) e ha evitato l’emissione in atmosfera di circa 20.700 tonnellate di anidride carbonica (CO2), equivalenti al risultato ottenibile con la rimboschimento di 1 milione di alberi su 1.600 ettari di superficie.

L'attenzione per l'ambiente è confermata dall’impiego di tecnologie interamente a secco, che non consumano acqua né producono reflui da trattare e da sinergie tra termovalorizzatore e depuratore delle acque del Comune di Bergamo.