Salta al contenuto principale

Bilanci

Bilancio Integrato

Quest’anno A2A compie i suoi primi dieci anni di vita. Un appuntamento importante. Ed è significativo che il suo avvincente percorso, originato dalla fusione di aziende che hanno fatto la storia dei servizi pubblici in Italia, sia stato narrato fin dall’inizio, anche attraverso il rapporto di sostenibilità. Il nostro pensiero e le nostre azioni si muovono sempre in uno spazio a tre dimensioni: ambiente, economia e sociale.

Il Bilancio Integrato quest’anno rappresenta, per la prima volta, anche la Dichiarazione Consolidata di carattere Non Finanziario del Gruppo, ai sensi del decreto legislativo 254/16.
Abbiamo confermato la scelta metodologica di riferirci all’Integrated Reporting Framework, oltre che alle consolidate linee guida internazionali del Global Reporting Initiative (GRI).
Desideriamo, infatti, che il documento rimanga una opportunità privilegiata per dialogare, misurarci e guardare al futuro, partendo da una visione chiara dell’oggi.

 

Visita il sito del Bilancio Integrato 2017

 

 

Performance di sostenibilità 2015 2016 2017

Valore aggiunto globale lordo

(mln €)

1.263 1.634 1.655

Investimenti ambientali

(mln€)

96,1 58,5 78,1

Ordinato su fornitori italiani

(% sul totale)

98% 97% 95%

Energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili

(% sul totale)

36% 35,6% 25%

Emissioni di CO2 - Scope 1

(mln t)

7,59 6,98 8,06

CO2 evitate grazie alle tecnologie del Gruppo

(mln t)

1,71 2,40 2,54

Rifiuti trattati dagli impianti del Gruppo

(mln t)

2,72 2,59 3,64

Rifiuti raccolti avviati a recupero di energia o materia

(% sul totale)

98,9% 98,9% 99%
Visitatori ai siti del Gruppo 17.690 21.000 31.300
Ore di formazione pro capite 14,5 16,8 18,7
Indice di gravità degli infortuni 0,78 0,86 0,82

 

Matrice di Materialità

 

 

 

 

Per materialità (materiality) si intende la rilevanza di un tema per un’organizzazione ed i suoi stakeholder.
Ascoltare le esigenze della comunità e rispondere ai relativi bisogni e aspettative è la base per concretizzare il concetto di sostenibilità. Il fine è di generare e distribuire valore in maniera armoniosa e duratura, conciliando gli interessi del Gruppo e dei suoi portatori di interesse. A2A ha identificato le sue principali categorie di stakeholder, per cui è interessante  notare come i principali stakeholder assumano spesso un duplice ruolo, ad esempio: i Comuni nei quali il Gruppo opera sono anche azionisti; le Istituzioni con cui si confronta sono anche clienti; i cittadini (e quindi la collettività) rappresentano a loro volta i maggiori fruitori dei servizi; all’interno della categoria clienti rientrano anche dipendenti e fornitori.

Per misurare la rilevanza per gli stakeholder sono state considerate le valutazioni emerse da: un’indagine promossa tramite un questionario online, somministrato ai principali stakeholder del Gruppo (circa 450 persone);
un sondaggio svolto durante l’annuale riunione di kick-off per il Bilancio 2017, che ha coinvolto circa un centinaio di referenti delle diverse direzioni/società del Gruppo;
le evidenze dei forumAscolto svolti nel 2017; l’analisi del database delle iniziative di engagement effettuate dal Gruppo.
L’analisi finale ha permesso di definire 20 tematiche che abbracciano i sei Capitali e il sistema di Governance del Gruppo.

 

Matrice di materialità

Bilanci di sostenibilità territoriali

Dal 2015, nell’ambito del programma forumAscolto che A2A ha avviato per consolidare il legame con i territori in cui opera, vengono pubblicati i Bilanci di Sostenibilità Territoriali per far conoscere e valutare a tutti i cittadini l’impegno e i risultati del Gruppo sui propri territori, dove ogni giorno offre alle comunità servizi pubblici che contribuiscono alla qualità della vita e alla competitività delle imprese locali. Parliamo di ambiente, economia e società.
I documenti sono redatti secondo i GRI Standards del Global Reporting Initiative (GRI) e, per alcuni indicatori, si attiene al GRI G4 Electric Utilities Sector Supplement.

I documenti sono disponibili anche nella piattaforma www.forumascoltoa2a.eu, nella sezione “La nostra sostenibilità".