Salta al contenuto principale

#A2Aperlecitta - Le “batterie” efficienti che scaldano Brescia

Raccontiamo le città con i numeri: il Teleriscaldamento di Brescia ha un segreto, il sistema di accumuli termici che scaldano la città in modo efficiente e sostenibile. 

Immaginate una grossa batteria che di notte, mentre tutti dormono, si ricarica per poi scaricarsi di giorno quando la necessità di calore ed energia delle utenze sulla rete di teleriscaldamento è maggiore. Questa la “semplice” logica alla base dell’accumulo termico. Così si chiama il sistema che consente di recuperare calore sostenibile durante le ore notturne evitando la combustione di gas nelle caldaie durante il giorno.

Con i suoi 5.200 metri cubi per 220 MWh di capacità termica, è stato appena completato un accumulo termico a Brescia nella Centrale Lamarmora di A2A Calore e Servizi.

 

La nuova struttura si aggiunge ai due accumuli termici pressurizzati già esistenti nella Centrale Lamarmora (1000 m3 con una capacità di 140 MWh), aumentando quindi la capacità di accumulo termico dell’intero sistema di teleriscaldamento. Il percorso di Brescia prosegue con altri due sistemi analoghi, di 2.200 metri cubi per 95 MWh l’uno, che saranno realizzati presso la Centrale Nord. 
La capacità termica complessiva è di circa 550 MWh, vale a dire che il calore contenuto in tutto il sistema accumuli termici di Brescia potrebbe scaldare una famiglia per più di 50 anni.

 

Ma vediamo i numeri del nuovo impianto

Il nuovo accumulo di Lamarmora ha un diametro di 20 metri ed una altezza di 20 metri. È un grosso serbatoio alla pressione atmosferica il quale può contenere acqua fino a 97°C. Le pareti sono in acciaio di spessore 8mm, isolato con uno stato di 20 cm di lana di roccia. È in grado di sviluppare una potenza di 55 MW per 4 ore.

 

La Centrale Lamarmora è, insieme al Termoutilizzatore (TU) e alla Centrale NORD, uno dei tre impianti di produzione di energia di Brescia collegati alla rete. Produce energia termica ma, come il Termoutilizzatore, anche elettrica grazie ad efficienti sistemi cogenerativi. 

I serbatoi di accumulo realizzati nelle Centrali Lamarmora e NORD avranno un ruolo strategico nell’attività di teleriscaldamento cittadina, dando un importante contributo al risparmio energetico e alla sostenibilità ambientale.

Il progetto degli accumuli nella Centrale Lamarmora, infatti, rientra nel più ampio piano di abbandono del carbone avviato da A2A e finalizzato a sostituire l’uso di combustibili fossili con fonti più “green” e sostenibili. Un programma di investimenti per 105 milioni di euro che, a regime, porterà a un risparmio di 15mila TEP (tonnellate di petrolio equivalenti) l’anno e a minori emissioni in atmosfera per oltre 400mila tonnellate di CO2. Sarà come avere circa 26mila autoveicoli in meno in circolazione nelle strade.


Ricordiamo che Brescia è la città dotata della più antica ed estesa rete di teleriscaldamento in Italia. Un modello di riferimento in Europa, secondo un recente studio della Comunità europea, per efficienza e rispetto dell’ambiente.
La cornice ideale, insomma, per la realizzazione dei serbatoi di accumulo, elementi aggiuntivi di salvaguardia dell’ambiente e di risparmio energetico.

Potrebbe interessarti

30.07.2020 | 15:49 | storie
Calore e servizi

Raccontiamo le città con i numeri: il Teleriscaldamento di Brescia ha un cuore che pulsa. È la Sala controllo, il luogo da cui si gestiscono oltre 670 chilometri di rete, per un totale di circa 21mila edifici allacciati E’ il luogo strategico per la sicurezza degli i...

Continua a leggere
11.12.2018 | 09:48 | storie
Calore e servizi

Quando si parla di teleriscaldamento si pensa ad un’innovazione della nostra epoca. In realtà le origini di questo sistema ci portano molto indietro nel tempo: gli antichi greci e romani per riscaldare le loro residenze, producevano acqua ad altissima temperatura e la i...

Continua a leggere
10.12.2018 | 09:45 | storie
Calore e servizi

Il Teleriscaldamento è noto a molti come un sistema di riscaldamento ambientalmente sostenibile. Consente di sostituire l’uso dei combustibili fossili tradizionali come gas metano e gasolio e serve a scaldare le nostre case in modo più conveniente, sicuro ed ecologico. ...

Continua a leggere