Salta al contenuto principale

Lavorare in A2A

Valori e ambiente di lavoro

Innovazione, sostenibilità, partecipazione, responsabilità, eccellenza: i nostri valori ci danno energia e motivazione, guidano i nostri comportamenti, ci rendono consapevoli di quello che possiamo essere nel futuro.

Nelle nostre sedi e nei nostri impianti, questi valori e lo sviluppo di ambienti innovativi e smart sono fondamentali per mettere le nostre persone nelle migliori condizioni per esprimersi al meglio. Gli oltre 11.000 dipendenti del Gruppo A2A lavorano in 11 regioni italiane, dalla Lombardia alla Sicilia.
La tutela della salute e della sicurezza sul lavoro rappresenta una priorità per il Gruppo A2A: ogni dipendente ha diritto a un luogo di lavoro e a svolgere attività che non comportino rischi per la propria salute, ma anche il dovere di partecipare attivamente alla formazione, di attenersi alle istruzioni impartitegli per lo svolgimento delle attività, ivi incluso l’utilizzo di dispositivi di protezione, e di rispettare tutte le norme vigenti.
Il Gruppo A2A considera molto importante la conciliazione tra vita privata e vita professionale dei propri dipendenti, per questo nel 2016 è stato lanciato il progetto pilota smartWorking A2A: circa 250 persone stanno sperimentando una volta alla settimana il lavoro da casa o da un luogo diverso dal proprio ufficio.

 

 

Il personale e le sedi

Welfare e diversity

 

Il Gruppo ha promosso lo sviluppo di molte iniziative al fine di creare valore e cogliere le opportunità di crescita e di sviluppo, valorizzando le diversità attraverso l’individuazione e il superamento di ogni stereotipo legato al genere, all’età, alla disabilità, all’etnia, alla fede religiosa e all’orientamento sessuale. Nell’ambito della conciliazione famiglia-lavoro, il Gruppo ha concesso 303 part-time (3% sul totale dei dipendenti), di cui l‘82% a donne. Sono stati inoltre concordati 993 congedi parentali (il 50% in più rispetto al 2015) a 252 dipendenti del Gruppo. L’82% delle persone a cui è stato concesso il congedo è rientrato al lavoro nel 2016. Come previsto dalle norme vigenti, A2A garantisce il diritto al lavoro delle persone diversamente abili, il cui numero all’interno del Gruppo a fine esercizio 2016 era pari a 476, di cui il 22% donne. L’offerta in termini di welfare aziendale comprende numerosi servizi offerti ai dipendenti:

 

Politiche sociali A2A
Servizi work-life balance Servizio per la mobilità: anche nel 2016 sono state applicate tariffe vantaggiose per l’acquisto da parte dei dipendenti di abbonamenti ai trasporti locali; in particolare, nel 2016 sono stati attivati 936 abbonamenti a tariffa agevolata a Milano e Brescia.
Asilo nido e Scuola di Infanzia aziendale: nella sede Lamarmora a Brescia nel 2016 sono stati 24 i figli di dipendenti iscritti
Servizi per le persone Fondi pensionistici: i dipendenti aderiscono o possono aderire ai fondi di previdenza complementare in relazione a quanto previsto dai contratti applicati. I principali fondi sono Pegaso, Fonte, Fopen, Fondichim, Previambiente e Previndai e Mario Negri per i dirigenti.
Assicurazione per infortuni extraprofessionali e assicurazioni sanitarie integrative al SSN (convenzioni sanitarie, cure odontoiatriche, visite specialistiche, ricoveri, occhiali, assistenza infermieristica ecc).
Servizi di health e well-being Servizio di assistenza socio-psicologica: presente in 14 sedi del Gruppo A2A. Il servizio, nel 2016, ha coinvolto 779 dipendenti per un totale di 4.358 consulenze.

 

 

Nell’ambito del progetto Melograno è stato inoltre avviato il progetto sperimentale MAAM U - Maternity As A Master - per valorizzare il potenziale formativo dell’esperienza di maternità, trasformandola in una palestra di competenze utili anche al rientro al lavoro.
Inoltre, a fine giugno è stato avviato il pilota del progetto smartWorking, modalità innovativa di lavoro che permette, per un giorno alla settimana, di lavorare da casa o da un luogo diverso dal proprio ufficio, utilizzando le dotazioni aziendali per lo svolgimento dell’attività lavorativa. I risultati della sperimentazione, verificati tramite una survey intermedia e finale, permetteranno di valutare la futura estensione del progetto. Inoltre, per il progetto smartWorking è stato avviato un blog dedicato in cui le persone che partecipano al pilota possono interagire e scambiare tra di loro esperienze e suggerimenti.

 

I nostri numeri

Formazione e sviluppo

Il Sistema Integrato di Sviluppo delle Risorse Umane definisce il percorso ideale della vita professionale del dipendente.
Con il supporto di strumenti, processi e metodologie i dipendenti possono  sviluppare competenze, esprimere potenzialità e crescere secondo criteri di merito.
La strategia formativa e le conseguenti azioni nascono da una visione d’insieme, che integra la formazione con gli altri strumenti di sviluppo, creando così un collegamento tra i valori, le competenze organizzative distintive di A2A, gli strumenti di valutazione delle prestazioni (Performance Management) e i percorsi di carriera.

 

Sviluppo del personale

Remunerazione

A2A eroga ai neolaureati la retribuzione minima stabilita dal livello di inquadramento del Contratto Collettivo di riferimento; per figure già qualificate e con esperienza viene erogata una retribuzione coerente con gli standard di mercato e con le prassi retributive interne che garantisca sia un adeguato livello di competitività esterna, sia di equità interna. Nella definizione della tipologia di contratto e di retribuzione, A2A si attiene scrupolosamente alla normativa italiana, che esclude qualsiasi distinzione di genere nel rapporto retributivo. Come negli anni precedenti le differenze nella retribuzione media all’interno delle differenti qualifiche sono di lieve entità.
La politica retributiva del Gruppo è principalmente pensata per riconoscere e valorizzare l’impegno, le competenze ed i comportamenti dei dipendenti e per garantire il corretto posizionamento retributivo delle persone in relazione alla loro mansione.
Per tutti i dipendenti la remunerazione è strutturata in componenti monetarie fisse e variabili e prevede un pacchetto di benefit di sostegno al reddito o di facilitazione (assicurazioni sanitarie e previdenziali, progetti ed iniziative per il dipendente e la sua famiglia, promozioni e agevolazioni di vario genere).
La componente monetaria variabile si basa su meccanismi discrezionali di riconoscimento della performance lavorativa e di comportamento in termini di “una tantum” o su sistemi di correlazione diretta con le performance aziendali e le prestazioni individuali (“MbO”). Nel 2016, in coerenza con gli obiettivi del Piano Industriale del Gruppo A2A, sono stati introdotti anche specifici piani di incentivazione straordinaria per la vendita di servizi di efficienza energetica, che si stanno progressivamente estendendo.
Il sistema di retribuzione variabile è inoltre integrato da uno strumento di incentivazione collettiva (“premio di risultato”), basato su obiettivi di redditività e produttività del Gruppo, volto a garantire il coinvolgimento di tutto il personale, anche non assegnatario di MbO, alle performance aziendali. È in fase di studio e approfondimento la possibilità di introdurre, per i dipendenti, la scelta di convertire una parte del “premio di risultato” in prestazioni e servizi, aggiuntivi al welfare contrattuale e aziendale già esistente, per sé o per i propri famigliari.
Con lo scopo di accrescere la vicinanza dei dipendenti agli obiettivi del Gruppo e aumentare la partecipazione al conseguimento dei risultati aziendali, il sistema di MbO è stato negli anni progressivamente esteso in termini di numero di persone coinvolte e nel 2016 ha raggiunto circa il 100% dei dirigenti, il 20% dei quadri e l’1% degli impiegati. Inoltre, per favorire l’attuazione delle iniziative del Piano di Sostenibilità 2016-2020, è stato definito da parte del Gruppo A2A un modello per l’inserimento strutturato ed integrato di obiettivi di sostenibilità nei sistemi di incentivazione del management a partire dal 2017.