Salta al contenuto principale

Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha approvato i risultati 2017

***
Utile Netto in forte crescita (+26%) a 293 milioni di euro (232 milioni di euro nel 2016 restated1)

Margine Operativo Lordo a 1.211 milioni di euro, sostanzialmente in linea con i risultati record registrati nel 2016

Investimenti - al netto di EPCG - per 450 milioni di euro, in crescita del 29%

Ancora un anno di forte generazione di cassa: +226 milioni di euro. Le acquisizioni ed il deconsolidamento di EPCG (316 milioni di euro) portano la PFN a 3.226 milioni di euro (PFN/Ebitda pari a 2,66x)

Migliorano gli indicatori di sostenibilità - Approvata la Dichiarazione
Consolidata di carattere non finanziario ai sensi del D.Lgs. 254/2016, che rappresenta il decimo annual report delle performance di sostenibilità del Gruppo A2A

***
Proposto all’assemblea degli azionisti un dividendo di 0,0578 euro per azione in crescita del 17,5% rispetto all’esercizio precedente

***

Milano, 20 Marzo 2018 – Si è riunito oggi il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. che, sotto la Presidenza del Prof. Giovanni Valotti, ha approvato i progetti del Bilancio separato e della Relazione finanziaria annuale consolidata al 31 dicembre 2017.
Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha approvato anche il decimo annual report delle performance di sostenibilità del Gruppo, che, quest’anno, rappresenta per la prima volta anche la Dichiarazione Consolidata di carattere non finanziario ai sensi del D.Lgs. 254/2016, la norma italiana
che ha sancito l’obbligatorietà della rendicontazione delle performance non finanziarie per le grandi
imprese di interesse pubblico, recependo la Direttiva 2014/95/EU.
La Dichiarazione Consolidata di carattere non finanziario è stata redatta prendendo a riferimento
l’Integrated Reporting Framework (IR Framework), delineato dall’International Integrated Reporting
Council (IIRC).

Segue il link per visualizzare il comunicato stampa completo

 

1 I valori “restated” recepiscono gli effetti derivanti dalla Price Purchase Allocation, conclusasi nel primo semestre 2017, conseguente all’acquisizione del Gruppo LGH.