Salta al contenuto principale

L'open innovation di A2A

L’Open Innovation è un paradigma secondo il quale “le imprese possono e devono fare ricorso ad idee esterne, così come a quelle interne, ed accedere con percorsi interni ed esterni ai mercati se vogliono progredire nelle loro competenze tecnologiche” (cit. Henry Chesbrough).

Il nostro modello d’innovazione è aperto a intercettare idee, soluzioni e opportunità dall’ecosistema dell’innovazione affinché siano utili allo sviluppo dell’economia circolare e della transizione energetica. Lo facciamo attraverso una logica multicanale rivolta sia all’interno che all’esterno dell’azienda.

I principali obietti del nostro programma d’innovazione sono:

  1.  Abilitare la disruption
    Supportare il gruppo nell’individuazione di opportunità in grado di creare nuovi mercati, prodotti e servizi per raggiungere obiettivi di medio-lungo periodo e creare un vantaggio competitivo

  2. Guidare la trasformazione verso una Life Company
    Supportare il gruppo nella trasformazione attraverso lo sviluppo e l’attuazione di progetti ad alto impatto, con tecnologie/soluzioni innovative che abbiano un concreto impatto sulla qualità della vita delle persone e sulla crescita delle industrie

  3. Diffondere la cultura dell’innovazione
    Diffondere la cultura dell’innovazione nel gruppo, stimolando la partecipazione diffusa e continuativa dei dipendenti alle diverse iniziative (concorsi di idee, programmi di intrapreneurship, …)

  4. Valorizzare l’innovazione responsabile
    Rafforzare e ampliare i canali di comunicazione e di posizionamento del gruppo, indirizzandoli verso l’ecosistema dell’innovazione e, più in generale, verso il mercato

Il modello operativo

Desideriamo trasformare idee di valore in prodotti e servizi di successo. Per questo abbiamo definito un processo strutturato e sistematico in 3 fasi principali, pensato per ridurre i rischi di fallimento e garantire lo sviluppo delle idee più promettenti.

  • Fase 1: generazione delle idee. 
    Periodicamente gli Innovation manager identificano i bisogni e le sfide delle diverse business unit. Sulla base delle priorità vengono avviate attività di esplorazione nell’ecosistema per identificare eventuali idee/soluzioni;
  • Fase 2: qualificazione del concept.
    Le idee più promettenti vengono ulteriormente esplorate valutando sia gli aspetti tecnici (fattibilità e readiness tecnologica) che quelli economici (attrattività in termini di mercato potenziale)
  • Fase 3: incubazione della soluzione.
    Le idee, soprattutto se distanti dal core business dell’azienda, vanno testate attraverso la realizzazione di un Proof of Concept (Poc) che ne verifichi la fattibilità.

Superate le tre fasi, le idee valutate positivamente vengono presentate al Top Management a cui spetta l’ultima parola sullo sviluppo o meno dell’idea, sull’assegnazione al team di lavoro e sulla definizione degli obiettivi.

Le challenge

Crediamo sia importante stimolare al massimo le idee sia internamente che esternamente all’azienda. Il sistema che utilizziamo è quello della “sfida” (chiamata anche challenge o call4ideas) che viene progettata e definita sulla base di uno specifico need aziendale e basata su un processo ad hoc definito in funzione delle esigenze stesse.

Le sfide che prevedono il coinvolgimento delle nostre capacità interne sono una risorsa importante: con più di 12.000 dipendenti del Gruppo, si tratta di un ampio bacino di idee, che permette ai dipendenti di contribuire all’innovazione del gruppo, avere visibilità nei confronti del Top Management e di venire a conoscenza di metodologie funzionali allo sviluppo delle idee, incrementando la collaborazione cross organizzazione.
Indipendentemente dalla modalità in cui nascono, dentro o fuori l’azienda, le proposte valutate positivamente dal Top Management confluiscono nel processo di innovazione che assicura un approccio strutturato e metodologico a qualsiasi iniziativa ritenuta vincente.

 

 

Il Corporate Venture Capital

Il Corporate Venture Capital (CVC) favorisce l'innovazione dell’azienda attraverso investimenti in startup ad alto potenziale.

Il programma è nato con la partecipazione di alcuni partner fra cui Capital 360, ma anche il fondo Poli360 del Politecnico di Milano che conta sulla ricerca dell’Università, sul Technology Transfer Office e sull’incubatore Polihub.
Il fondo di Corporate Venture Capital di A2A prevede investimenti per startup seed e early stage che operano in ambiti di business strategici per l’azienda.
In quali settori? Principalmente l’Economia Circolare e la Transizione Energetica, passando per la mobilità e le nuove tecnologie per realizzare le città del futuro.

Nello Startup Kit digitale che offriamo, è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per collaborare con noi, per accedere alla nostra piattaforma di lavoro e diventare parte integrante del nostro ecosistema

 

 

La piattaforma di open innovation

Al fine di abilitare il nostro modello di innovazione e di renderlo davvero efficace, abbiamo scelto di dotarci di una piattaforma di Open Innovation che ci permetta di:

  • Lanciare challenge e altre iniziative indirizzate all'interno o all'esterno del Gruppo
  • Favorire il coinvolgimento dell'ecosistema dell’innovazione (scouting, ...) e il governo di iniziative con realtà esterne
  • Raccogliere e valutare idee di business all’interno del nostro programma di CVC
  • Trovare le competenze più idonee per sviluppare idee all’interno del Gruppo
  • Gestire end-to-end lo sviluppo dell’innovazione all'interno del Gruppo
  • Omogenizzare metodi e tools per fare innovazione
  • Gestire la proprietà intellettuale

 

 

Collaborazioni e partner - l’ecosistema

Fare Open Innovation significa anche creare un vero e proprio ecosistema. Significa, in primo luogo, collaborare con realtà esterne per originare un “flusso di sapere” funzionale all’innovazione stessa. Perché crediamo che la collaborazione sia l’unica vera strada verso l’innovazione e solo unendo le nostre forze possiamo raggiungere obiettivi concreti.

Per questo l’azienda ha dato vita a un vero e proprio processo virtuoso di generazione e gestione dell’innovazione che ha permesso la costruzione di forti relazioni con importanti realtà dell’ecosistema: incubatori/acceleratori, hub di innovazione, università, centri di ricerca e fondi di venture capital.

Sono tanti gli attori dell’ecosistema con cui collaboriamo. Per citarne alcuni: 
Plug&Play, Innocentive, Polihub, Capital 360, VC Hub Italia, Istituto Italiano di Tecnologia, Elis Openitaly, Ellen McArthur Foundation, TedX…