Salta al contenuto principale

La valvola smart che rende l’acquedotto intelligente

Si chiama GreenValve. Il progetto di innovazione del Gruppo A2A ottimizza l’energia degli impianti di distribuzione dell’acqua e getta le basi per le reti idriche del futuro

Dai punti di regolazione di un impianto di distribuzione dell’acqua è possibile recuperare, in media, 60-100 MWh all’anno di energia. Questa energia è pari al consumo annuale di 20-30 famiglie medie in Europa e se recuperata permetterebbe una gestione più intelligente e sostenibile degli acquedotti.
La ricerca di soluzioni innovative per cogliere nuove opportunità è uno degli obiettivi del Gruppo A2A, come dimostra la recente iniziativa del progetto GreenValve: si tratta di un’innovativa valvola di regolazione che recupera parte dell’energia dispersa negli impianti idrici di medio/piccole dimensioni e nelle centrali di tele-riscaldamento. Ma presenta molti altri vantaggi che consentono di gettare le basi per l’acquedotto intelligente.

Cos’è la GreenValve

La GreenValve, ideata e brevettata dal Politecnico di Milano, può sostituire una comune valvola di regolazione e funziona anche completamente scollegata dalla rete elettrica. Consuma per la sua alimentazione pochi wattora e l’energia che recupera in eccesso può essere utilizzata per altre applicazioni smart.

I vantaggi della GreenValve

L’energia recuperabile in ogni punto di regolazione, se intercettata anche solo in piccola frazione, permetterebbe di ottenere i seguenti vantaggi:

  • l’automazione della rete di distribuzione. E’ possibile infatti il monitoraggio in tempo reale di pressioni e portate dell’acqua e la regolazione della rete, automatica e manuale, da remoto;
  • il controllo dei consumi a beneficio della riduzione delle perdite idriche;
  • la connessione a sensori per la misura della qualità dell’acqua;

Il controllo dei dati, inoltre, è semplice grazie a un’app che permette di monitorare la valvola da smartphone.

Il progetto GreenValve

Il progetto è nato nell’ambito del programma di innovazione del Gruppo A2A, che ha l’obiettivo di implementare un processo virtuoso e sistemico di generazione e gestione dell’innovazione.
L’obiettivo è stato di verificare i benefici dell’energy harvesting ed esplorare le funzionalità più evolute nella gestione della rete idrica. Con l’installazione della valvola sarà possibile consolidare sul campo i vantaggi di ottimizzazione delle attuali valvole di regolazione che la GreenValve può portare. Attualmente sono già in fase di monitoraggio tre siti di A2A Ciclo Idrico, la società del Gruppo che gestisce il servizio idrico integrato.
Questa importante iniziativa si inserisce in un ampio percorso di evoluzione nella gestione delle reti idriche e pone le basi per lo sviluppo di una città più intelligente e sostenibile.

Potrebbe interessarti

30.07.2020 | 14:49 | storie
Ciclo Idrico

Le perdite delle reti idriche in Italia rappresentano il 40% dell’acqua prelevata. Per questo è importante adottare sistemi che permettono di capire dove sono localizzate le perdite e raccogliere le informazioni necessarie per intervenire con la corretta manutenzione ne...

Continua a leggere
11.12.2018 | 18:20 | storie
Ciclo Idrico

La storia dell’utilizzo dell’acqua e del suo incanalamento per renderla disponibile a soddisfare le esigenze umane è molto antica e risale a egizi e babilonesi. Ma sono soprattutto i romani, molti secoli prima di Cristo, a progettare e realizzare complesse e avanguardis...

Continua a leggere
10.12.2018 | 15:32 | storie
Ciclo Idrico

L'acqua è una risorsa fondamentale per la Terra e per tutti gli esseri viventi ma anche un bene importante per l’economia mondiale, tanto da essersi meritata il nome di oro blu. Preziosissima e da sempre ritenuta inesauribile, oggi, a causa dell’inquinamento e degli spr...

Continua a leggere