Salta al contenuto principale
Comunicati stampa">


Comunicati stampa
Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato l’Informativa trimestrale al 30 settembre 2017
  • Margine Operativo Lordo a 888 milioni di euro, in crescita del +2% rispetto al 30 settembre 2016, nonostante proventi non ricorrenti significativamente inferiori. Escluse le poste non ricorrenti, l’incremento del Margine Operativo Lordo supera il 7%
  • Utile Netto Ordinario, pari a 319 milioni di euro, in forte crescita (+14%) rispetto al corrispondente periodo del 2016
  • L’Utile Netto di Gruppo, pari a 226 milioni di euro (323 milioni di euro al 30 settembre 2016) penalizzato dagli effetti dell’esercizio della PUT Option su EPCG (negativi per 93 milioni di euro)
  • Investimenti per 271 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto ai primi 9 mesi del 2016
  • La Posizione Finanziaria Netta, in aumento a 3.252 milioni di euro, riflette gli effetti derivanti dal deconsolidamento integrale del gruppo EPCG e dalle acquisizioni, parzialmente compensati dalla buona generazione di cassa

***

Milano, 13 novembre 2017 – Si è riunito oggi il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. che, sotto la Presidenza del Prof. Giovanni Valotti, ha esaminato e approvato l’Informativa trimestrale al 30 settembre 2017.

I risultati economico-finanziari dei primi nove mesi del 2017 continuano ad essere soddisfacenti e robusti. Il Margine Operativo Lordo (EBITDA), pari a 888 milioni di euro (+2% rispetto al corrispondente valore nei primi nove mesi del 2016), ha beneficiato delle condizioni dei mercati energetici, del contributo delle società di nuova acquisizione e di una buona crescita organica in tutte le Business Units. Tali apporti positivi hanno parzialmente compensato la minore marginalità derivante dai più bassi livelli di produzione idroelettrica e dal mancato contributo della marginalità del gruppo EPCG nel terzo trimestre 2017 a seguito del passaggio dal consolidamento integrale al consolidamento ad equity.

Lo scenario dei primi nove mesi del 2017 è stato caratterizzato da elevate quotazioni dell’energia elettrica e del gas, sebbene in leggera riduzione rispetto a quanto osservato nei primi mesi dell’anno: il PUN Base Load pari a 51,3 €/MWh, è salito del 34% rispetto ai 38,3 €/MWh dello stesso periodo dell’anno precedente ed il prezzo medio del gas al PSV è stato pari a 18,8 €/MWh, in aumento del 29% rispetto ai primi nove mesi del 2016.
Tali livelli di prezzo nel mercato all’ingrosso italiano sono stati influenzati da molteplici fattori fra cui:

  • il fermo di numerose centrali nucleari francesi durante i primi mesi dell’anno;
  • le temperature particolarmente rigide registrate principalmente nel mese di gennaio;
  • l’ondata di caldo che ha investito la penisola italiana nel corso dei mesi estivi.

Gli spread, sia sui CCGT che sulle produzioni a carbone, si sono ampliati. Le scarsa piovosità di fine 2016 e dei primi nove mesi del 2017 ha invece influito molto negativamente sulle produzioni idroelettriche (sia in Italia che in Montenegro) che si sono ridotte complessivamente di quasi il 30%.

L’Utile Netto di pertinenza del Gruppo nei primi nove mesi del 2017 ha raggiunto i 226 milioni di euro (323 milioni di euro al 30 settembre 2016) ed è stato significativamente influenzato dagli effetti conseguenti l’esercizio, in data 1° luglio 2017, della PUT Option sull’intera quota del capitale sociale detenuta da A2A S.p.A. nella società montenegrina EPCG (41,75%). Dal primo luglio 2017, conseguentemente all’esercizio della PUT Option, la partecipazione in EPCG è stata infatti riclassificata da investimento in continuità ad investimento disponibile alla vendita con conseguente variazione del criterio di valutazione. A2A ha valutato le attività e passività di EPCG, in accordo con il principio IAS 36, al minore tra il valore di carico e il loro “fair value”, così come desumibile dal corrispettivo conseguente all’esercizio della PUT Option. La nuova valutazione ha determinato una svalutazione complessiva di 93 milioni di euro corrispondenti, per 60 milioni di euro all’adeguamento del valore degli asset al valore della PUT Option (pari a 250 milioni di euro) e per 33 milioni di euro agli effetti dell’attualizzazione delle sette rate equivalenti annuali di cessione e incasso.

A partire dal 1° Luglio 2017 la partecipazione in EPCG risulta quindi consolidata ad equity ed iscritta nelle “Attività destinate alla vendita”.

La contrazione dell’Utile Netto di pertinenza del Gruppo dei primi nove mesi del 2017, pari a 97 milioni di euro (-30%), è principalmente attribuibile a due poste straordinarie (una positiva del 2016 e una negativa del 2017):

  • la contabilizzazione nel 2016 di una plusvalenza non monetaria pari a 52 milioni di euro in relazione alla scissione parziale non proporzionale di Edipower con efficacia dal 1° gennaio 2016 a favore di Cellina Energy;
  • la svalutazione nel 2017 per complessivi 93 milioni di euro degli asset di EPCG registrata nel 2017.

Al lordo di tutti gli effetti straordinari, l’Utile Netto “Ordinario”, risulterebbe quindi in crescita di 38 milioni di euro, dai 281 milioni di euro al 30 settembre 2016 ai 319 milioni di euro al 30 settembre 2017.

La Posizione Finanziaria Netta al 30 settembre 2017 si è attestata a 3.252 milioni di euro (3.136 milioni di euro a fine 2016). Al netto degli effetti derivanti dal deconsolidamento del gruppo EPCG (206 milioni di euro di attivi finanziari deconsolidati) e dall’acquisizione delle 5 società proprietarie di impianti fotovoltaici (per un ammontare complessivo di 34 milioni di euro), la generazione di cassa netta del periodo è risultata positiva per 124 milioni di euro, dopo investimenti per 271 milioni di euro e il pagamento di 153 milioni di euro di dividendi.

***

Per ulteriori informazioni:

Relazioni con i media
tel. 02 7720.4583
ufficiostampa@a2a.eu

Investor Relations
tel.02 7720.3974
ir@a2a.eu

mostra
Comunicati stampa">


Comunicati stampa
A2A: presentato il terzo Bilancio di Sostenibilità Brescia

In crescita la ricchezza distribuita, gli investimenti e l’occupazione sul territorio, si moltiplicano i progetti per rendere Brescia più smart e green

  • 263 milioni di euro il valore della ricchezza distribuita sul territorio (+5%) e 83 milioni di euro di investimenti (+7%)
  • 121 milioni di euro in forniture e servizi a favore di 371 imprese del territorio (+10%)
  • 1.739 occupati in provincia di Brescia, con 107 assunzioni nel 2016
  • 98% dei rifiuti raccolti recuperati come materia o energia in provincia di Brescia
  • 99% dei punti luce pubblici sostituiti con i led
  • -5% le emissioni di CO2 degli impianti del Gruppo
  • 161 milioni di euro di investimenti previsti nel ciclo idrico, nel quinquennio 2016-2020

 

Brescia, 7 novembre. E’ stato presentato oggi a Palazzo Loggia, alla presenza del Sindaco di Brescia Emilio Del Bono e dell’Assessore all’Ambiente e Protezione Civile Gianluigi Fondra, il terzo Bilancio di Sostenibilità di A2A dedicato a Brescia, il documento che riassume gli impegni e i risultati del Gruppo sul territorio bresciano in tema di responsabilità economica, ambientale e sociale nel 2016.  A2A ha pubblicato quest’anno cinque Bilanci di Sostenibilità relativi a specifici territori (oltre a Brescia, Milano, Bergamo, Varese e Valtellina-Valchiavenna), proseguendo nel percorso di ascolto e trasparenza, intrapreso proprio a Brescia nel 2015, per ribadire il forte legame con le comunità e l’orientamento alla sostenibilità come fattore chiave per il successo dell’Azienda.

 

DATI E INIZIATIVE CHIAVE SOSTENIBILITA’ 2016 – BRESCIA E PROVINCIA

 

Responsabilità economica

Il valore della ricchezza distribuita da A2A nella provincia di Brescia è cresciuto nel 2016 (+5% rispetto al 2015), raggiungendo i 263 milioni di euro, con 121 milioni (+10% rispetto al 2015) in forniture e servizi spesi a favore di 371 aziende qualificate del territorio, per un totale di 799 ordini emessi; l’84% sono micro e piccole imprese. In crescita anche gli investimenti: 83 milioni di euro investiti (+7% rispetto al 2015) nella provincia, in particolare per la telelettura dei contatori gas, lo sviluppo e la manutenzione delle reti e dei depuratori, il nuovo sistema di raccolta differenziata, gli interventi sulla Centrale Lamarmora e sul Termoutilizzatore. Nel periodo 2016-2020 A2A Ciclo Idrico ha stanziato un piano investimenti per 161 milioni di euro, mentre dal 2018 ASVT investirà nella realizzazione del depuratore di Concesio. A2A ha rafforzato la sua presenza sul territorio bresciano con l’acquisizione della società ambientale LA Bi.CO DUE, che si inserisce nelle iniziative finalizzate a dare concreta attuazione ai principi dell’economia circolare.
Sono stati 35 milioni i dividendi ricevuti da azionisti del territorio.

 

Responsabilità sociale

Gli occupati nelle sedi della provincia di Brescia salgono a 1.739, con 107 nuove assunzioni nel 2016. In aumento anche le ore di formazione erogate ai dipendenti: 20,6 pro-capite (+12% rispetto al 2015).


A2A Energia ha confermato la sua leadership nella soddisfazione dei clienti. Il 96% dei 55mila cittadini serviti agli sportelli si è espresso positivamente sull’assistenza ricevuta. A dicembre 2016 A2A ha introdotto volontariamente il bonus idrico per le famiglie in difficoltà.

Anche nel 2016 il Gruppo ha supportato iniziative sociali, ambientali e culturali sul territorio, erogando sponsorizzazioni e contribuiti a teatri e fondazioni per un totale di 1,7 milioni di euro. Fondazione ASM ha assunto l’impegno a sostenere il progetto di valorizzazione del Mo.CA, ospitato nel prestigioso Palazzo Martinengo Colleoni, destinato a diventare un importante centro di innovazione e cultura.

Oltre 3.200 persone, in particolare studenti, hanno visitato gli impianti del Gruppo in provincia di Brescia. Le iniziative di educazione ambientale hanno coinvolto complessivamente quest’anno 13mila ragazzi. Per la prima volta A2A, in collaborazione con Brescia Mobilità, ha organizzato “Brescia in circolo”, un evento di piazza in 7 tappe che ha coinvolto scuole e famiglie, sui temi della mobilità, dell’acqua e della raccolta differenziata.

Nel 2016 è nato Banco dell’energia Onlus, un ente senza scopo di lucro promosso da A2A e della Fondazioni ASM e AEM, con l’obiettivo di assicurare sostegno a persone e famiglie che si trovano in una temporanea situazione di vulnerabilità economica e sociale, offrendo loro una opportunità per ripartire. Alla raccolta fondi hanno contribuito tutti gli stakeholder di A2A, a cominciare da dipendenti, clienti e fornitori. Per la prima volta in Italia è stato possibile usare come canale di donazione la bolletta. Attraverso il bando “Doniamo Energia”, promosso in collaborazione con Fondazione Cariplo, A2A ha raddoppiato le donazioni dei suoi clienti domestici, fino al raggiungimento di 1 milione di euro, mentre Fondazione Cariplo ha contribuito raddoppiando a sua volta tale somma, fino al raggiungimento di 2 milioni di euro. Sul sito www.bancodellenergia.it è disponibile l’elenco de 15 progetti aggiudicatari del bando presentati da Associazioni non profit operanti sul territorio lombardo.

 

Responsabilità ambientale

Secondo una logica di economia circolare, nel 2016, il 98% dei rifiuti urbani raccolti dalle società ambientali del Gruppo in provincia di Brescia sono stati recuperati come materia o energia.  Nel 2016 la raccolta differenziata nei comuni della provincia ha raggiunto il 68,8%, contro il 44,5% della città. La percentuale cittadina ha avuto un netto incremento nel 2017 per effetto della estensione del nuovo sistema combinato (cassonetti a calotta e porta a porta), raggiungendo già ad agosto il 60%.

A2A ha inoltre siglato un accordo con Brescia Mobilità per favorire l’uso del biometano, prodotto dalla frazione umida dei rifiuti urbani e dal verde, nel trasporto pubblico; A2A Ambiente ha presentato un progetto per realizzare un impianto dedicato a questo tipo di trattamento a Bedizzole.

Si sono ridotte del 5% le emissioni complessive di CO2 rispetto al 2015, mentre sono 442.446 (+38% rispetto al 2015) le tonnellate di CO2 evitate grazie al Termoutilizzatore. Si sono ridotte rispetto al 2015 anche le emissioni totali di SO2 (-13%) e polveri (-12%); rimangono in linea con lo scorso anno gli NOx.

E’ quasi interamente completato il piano di sostituzione dell’illuminazione pubblica a led con 43mila nuovi punti luce, che hanno comportato una riduzione dei consumi del 40% ed evitato l’emissione di 2.700 tonnellate di CO2 in atmosfera. Nuova luce anche per 37 siti storici e monumentali.


A2A ha terminato l’installazione di tre nuove caldaie a gas nella Centrale Lamarmora a servizio della rete di teleriscaldamento. Nuovo calore per la rete verrà fornito anche dal recupero dell’energia termica prodotta dalla acciaieria Ori Martin, mentre è allo studio un progetto per recuperare calore dal depuratore di Verziano. Prosegue in parallelo anche lo sviluppo del teleraffrescamento negli edifici pubblici, iniziativa premiata a Ecomondo col Premio Sviluppo Sostenibile 2016.

Si sono moltiplicati a Brescia i progetti pilota, realizzati da A2A anche attraverso partnership internazionali, per aumentare l’efficienza e la resilienza delle reti: progetto S.C.U.O.L.A., IDE4L, Smart Domo Grid.  

Attraverso il progetto “Oltre la strada” in via Milano e il progetto Brescia Smart Living, nelle zone di San Polino e via Solferino, si testa un modello di città smart, interconnessa e sostenibile, grazie al coinvolgimento delle comunità e l’impiego delle tecnologie IoT (internet of things).

Continua, inoltre, la sperimentazione della mobilità elettrica: nel 2016, è raddoppiata l’elettricità erogata dalle colonnine di ricarica targate A2A, arrivando a 50,5 MWh.

mostra
Comunicati stampa">


Comunicati stampa
Presentato il primo bilancio di sostenibilità di Varese
  • 36 milioni di euro il valore della ricchezza distribui ta sul territorio nel 2016
  • 15 milioni di euro spesi in forniture e servizi a imprese locali
  • 3 milioni di investimenti
  • 330 occupati, con 26 nuove assunzioni
  • 95% dei rifiuti recuperati come materia o energia
  • 7.100 tonnellate di CO2 evitate grazie a cogenerazione e solare termico

 

Varese, mercoledì 25 ottobre 2017 - Aumentano, per il gruppo A2A sul territorio varesino, il valore della ricchezza distribuita, gli investimenti e il numero di occupati, mentre si riducono le emissioni e si massimizza il recupero di materia ed energia dai rifiuti. Sono numeri importanti quelli contenuti nel primo Bilancio di Sostenibilità di A2A per Varese, presentato oggi nella sede del Comune di Varese, alla presenza del Sindaco, Davide Galimberti e dell’Assessore all’Ambiente, Benessere e Sport, Dino De Simone.
Il documento, elaborato in base alle stesse linee guida internazionali adottate nella redazione del Bilancio di Sostenibilità di Gruppo, riassume, con fatti e numeri, gli impegni e i risultati ottenuti dal gruppo A2A nel 2016, in campo ambientale, economico e sociale, riferiti a Varese e provincia.

 

La pubblicazione di bilanci territoriali rientra nel programma “Apertura e Ascolto”, avviato da A2A nel 2015 per migliorare la conoscenza delle aspettative degli interlocutori locali e coinvolgerli, attraverso la partecipazione ai forumAscolto, nella generazione di idee e progetti concreti da realizzare sul territorio.

 

DATI CHIAVE SOSTENIBILITA’ 2016 – Varese e provincia

 

Responsabilità economica

Il valore della ricchezza distribuita da A2A nella provincia di Varese è stato di 36 milioni di euro nel 2016 (+14% sul 2015), con 15 milioni spesi (+45% sul 2015) in forniture e servizi a favore di aziende del territorio, l’84% delle quali sono micro e piccole imprese. Circa 3 milioni di euro sono stati investiti per assicurare continuità e sviluppo dei servizi offerti. L’80% è stato destinato al rinnovo del parco automezzi del servizio di igiene ambientale.

 

Responsabilità sociale

Nel 2016 A2A ha assunto 26 persone, portando a 330 il numero dei collaboratori del Gruppo che lavorano nelle sedi di Varese e provincia. 8,9 sono state le ore di formazione pro-capite.

 

Aspem Energia, dal 1° gennaio confluita in A2A Energia, ha fatto registrare un livello di soddisfazione dei clienti molto alto. Il 92,5% dei cittadini serviti dal call center si è espresso positivamente sull’assistenza ricevuta. Mentre nell’ambito delle reti gas, Aspem ha raggiunto livelli di assoluta eccellenza, riuscendo a garantire, nel 100% dei casi, l’arrivo delle squadre di pronto intervento entro un’ora dalla chiamata.

 

Il Gruppo ha confermato il suo sostegno ad iniziative sociali, culturali, ambientali del territorio, sponsorizzando la manifestazione «Spazzatura kilometrica», una gara a squadre per raccogliere i in modo differenziato i rifiuti abbandonati in zone boschive della provincia. Si è inoltre impegnato a diffondere la cultura della sostenibilità e la sensibilità ambientale, proponendo nuove iniziative, tra visite agli impianti, laboratori, strumenti digitali, interventi in aula, che hanno coinvolto 990 tra studenti, docenti e altri stakeholder.
Nel 2016 è nato il Banco dell’Energia, un’iniziativa anch’essa sviluppata grazie al programma di ascolto dei territori, che ha l’obiettivo di assicurare sostegno a persone e famiglie che si trovano in una temporanea situazione di vulnerabilità economica e sociale, offrendo loro una opportunità per ripartire. A questa finalità saranno destinati i due milioni di euro raccolti nel 2017 con il Bando “Doniamo Energia” promosso da Banco dell’Energia in collaborazione con Fondazione Cariplo.

 

Infine, Aspem ha realizzato la campagna di comunicazione “Varese manca poco” per sensibilizzare tutti i soggetti che vivono e lavorano in città al raggiungimento del 65% di raccolta differenziata. Nell’ambito di questa campagna si è sviluppato un percorso di ascolto e coinvolgimento degli stakeholder che ha portato alla sottoscrizione – da parte dell’azienda, degli stakeholder stessi e dell’Amministrazione Comunale – di una “Carta degli Impegni”, con l’obiettivo di sollecitare la partecipazione attiva di tutti in un quadro di rinnovata consapevolezza e responsabilità.

 

Responsabilità ambientale

In un’ottica di economia circolare, A2A ha avviato il 95% dei rifiuti urbani raccolti nel 2016 a recupero di materia o energia. Buoni i livelli della raccolta differenziata: 62% per Varese città e 70% nel resto della provincia.

 

Sono scese le emissioni in atmosfera di NOx (-12%), SO2 (-88%) e Polveri (-74%) legate alle attività industriale del Gruppo. Inoltre, grazie alla cogenerazione e al solare termico, il Gruppo ha evitato l’emissione di circa 7.100 tonnellate di CO2 (+16% rispetto al 2015).

 

Attraverso la rete acquedottistica gestita da Aspem in 34 comuni, è stata distribuita acqua per un totale di 18 milioni di metri cubi, proveniente da 169 sorgenti e 86 pozzi. Sono stati effettuati 3.743 prelievi per analisi di controllo.

 

Contatti A2A

Media Relations
Giuseppe Mariano
Tel. 02 7720.4583
ufficiostampa@a2a.eu

mostra
Comunicati stampa">


Comunicati stampa
A2A S.p.A. annuncia i risultati della sua offerta di riacquisto e il soddisfacimento della condizione della nuova emissione

NOT FOR RELEASE, PUBLICATION OR DISTRIBUTION IN OR INTO OR TO ANY PERSON LOCATED OR RESIDENT IN THE UNITED STATES, ITS TERRITORIES AND POSSESSIONS, ANY STATE OF THE UNITED STATES OR THE DISTRICT OF COLUMBIA (INCLUDING PUERTO RICO, THE U.S. VIRGIN ISLANDS, GUAM, AMERICAN SAMOA, WAKE ISLAND AND THE NORTHERN MARIANA ISLANDS) OR TO ANY U.S. PERSON (AS DEFINED IN REGULATION S UNDER THE UNITED STATES SECURITIES ACT OF 1933, AS AMENDED (THE SECURITIES ACT)) (EACH, A U.S. PERSON) OR IN OR INTO OR TO ANY PERSON LOCATED OR RESIDENT IN ANY OTHER JURISDICTION WHERE IT IS UNLAWFUL TO DISTRIBUTE THIS DOCUMENT.


Milano, 19 ottobre 2017. A2A S.p.A. (l’Offerente) con il presente comunicato annuncia i risultati dell’invito rivolto a ciascuno dei portatori (i Portatori) dei suoi titoli in circolazione rappresentativi del prestito obbligazionario denominato €750.000.000 4,500 per cent. Notes con scadenza 28 novembre 2019 (dei quali €567.525.000 in circolazione) (ISIN: XS0859920406) (le Notes Esistenti 2019) e dei suoi titoli in circolazione rappresentativi del prestito obbligazionario denominato €500.000.000 4,375 per cent. Notes con scadenza 10 gennaio 2021 (dei quali €429.980.000 in circolazione) (ISIN: XS0951567030) (the Notes Esistenti 2021 e, congiuntamente alle Notes Esistenti 2019, le Notes Esistenti e, ciascuna, una Serie) ad offrire le proprie Notes Esistenti per il riacquisto da parte dell’Offerente a fronte di un corrispettivo in denaro fino ad un ammontare nominale complessivo di Notes Esistenti non superiore a €200.000.000 (l’Ammontare Massimo di Accettazione) subordinatamente al soddisfacimento della Condizione della Nuova Emissione e delle altre condizioni descritte
nel tender offer memorandum datato 11 ottobre 2017 (il Tender Offer Memorandum) (le Offerte e ciascuna una Offerta).


Le Offerte sono state annunciate in data 11 ottobre 2017 e sono soggette alle restrizioni sull’offerta e sulla distribuzione indicate nel Tender Offer Memorandum. Le Offerte sono giunte a scadenza alle ore 17:00 (CET) del 18 ottobre 2017. I termini in maiuscolo impiegati nel presente comunicato e non altrimenti definiti hanno il significato ad essi attribuito nel Tender Offer Memorandum.


L’Offerente annuncia che (i) la Condizione della Nuova Emissione è stata soddisfatta e (ii) accetta valide adesioni di Notes Esistenti ai sensi delle Offerte senza riparto pro-rata, come descritto nella tabella riportata di seguito.


Il relativo Prezzo di Riacquisto, l’ammontare complessivo nominale di Notes Esistenti validamente offerte ai sensi della relativa Offerta, l’Ammontare di Accettazione della Serie, l’ammontare nominale in circolazione dopo la Data di Regolamento e gli Interessi Maturati, in ciascun caso in relazione a ciascuna Serie di Notes Esistenti, sono riportati di seguito:

 

Descrizione
delle Notes
ISIN Prezzo di
Riacquisto
Ammontare
Nominale
Complessivo
Offerto
Ammontare di
Accettazione
della Serie
Ammontare
Nominale
Complessivo in
circolazione dopo la
Data di Regolamento
Interessi
Maturati
Notes
Esistenti 2019
XS0859920406 109,933% € 56.822.000 € 56.822.000 € 510.703.000 4,0192%
Notes
Esistenti 2021
XS0951567030 114,108% € 78.523.000 € 78.523.000 € 351.457.000 3,3921%

 

La Data di Regolamento è attesa per il 20 ottobre 2017.

 

Qualsiasi domanda e richiesta di assistenza relativa alle Offerte potrà essere inviata a:

 

OFFERENTE

A2A S.p.A.
Via Lamarmora, 230
25124 Brescia
Italia

 

STRUCTURING ADVISORS E DEALER MANAGERS

Citigroup Global Markets Limited
Citigroup Centre
Canada Square
Canary Wharf
Londra E14 5LB
Regno Unito
Attenzione: Liability Management Group
Telefono: +44 (0) 20 7986 8969
Email: liabilitymanagement.europe@citi.com

 

Goldman Sachs International
Peterborough Court
133 Fleet Street
Londra EC4A 2BB
Regno Unito
Attenzione: Liability Management Group
Telefono: +44 20 7774 9682
E-mail: liabilitymanagement.eu@gs.com

 

Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A.
Piazzetta Enrico Cuccia, 1
20121 Milano
Italia
Attenzione: Liability Management
Telefono: +39 02 8829 840
Email: MB_LM_CORP_IT@mediobanca.com

 

Société Générale
10 Bishops Square
Londra E1 6 EG
Regno Unito
Attenzione: Liability Management - DCM
Telefono: +44 20 7676 75680
Email: liability.management@sgcib.com

 

UniCredit Bank AG
Arabellastrasse, 12
81925 Monaco
Germania
Attenzione: Corporate Liability Management
Telefono: +49 89 378 13722
Email: corporate.lm@unicredit.de

 


AGENTE DELL’OFFERTA

Lucid Issuer Services Limited
Tankerton Works
12 Argyle Walk
Londra WC1H 8HA
Regno Unito
Attenzione: Arlind Bytyqi
Telefono: +44 (0) 20 7704 0880
Email: a2a@lucid-is.com

 

Né i Dealer Managers, né l'Agente dell'Offerta né i rispettivi amministratori, dirigenti, dipendenti, agenti o soggetti collegati assumono alcuna responsabilità circa l’accuratezza e la completezza delle informazioni relative all'Offerente, alle Notes Esistenti o alle Offerte contenute nel presente annuncio o nel Tender Offer Memorandum.

 

Disclaimer
This announcement must be read in conjunction with the Tender Offer Memorandum.
Neither this announcement nor the Tender Offer Memorandum or any other document or material relating to the Offers constitutes an invitation to participate in the Offers in any jurisdiction in which, or to any person to or from whom, it is unlawful to make such invitation or for there to be such participation under applicable securities laws and regulations. The distribution of this announcement and the Tender Offer Memorandum in certain jurisdictions may be restricted by laws and regulations. Persons into whose possession either this announcement or the Tender Offer Memorandum comes are required by each of the Offeror, the Dealer Managers and the Tender Agent to inform themselves about, and to observe, any such restrictions.

 

Per ulteriori informazioni:
Relazioni con i media: Giuseppe Mariano - tel. 02 7720.4583, ufficiostampa@a2a.eu
Investor Relations: tel.02 7720.3974, ir@a2a.eu

 

 

mostra
Comunicati stampa">


Comunicati stampa
A2A acquista 16 impianti fotovoltaici e prosegue nella strategia green

La capacità solare installata sale a 38,4 MW

Milano, 16 ottobre 2017 - A2A compie un nuovo passo in chiave green nel suo percorso di sviluppo della produzione energetica da fonti rinnovabili con l'acquisizione - da Novapower - di 16 impianti fotovoltaici nelle Marche, per una potenza installata di 17,8 MW e una produzione annua di 23,4 GWh.


Grazie a questa operazione, che segue l’acquisto di 18 impianti fotovoltaici avvenuto a fine settembre, il Gruppo porta a 38,4 MW la capacità solare installata
 

"Questa acquisizione, a meno di un mese dalla precedente, conferma la nostra volontà di crescita nel settore dell’energia rinnovabile" dichiara Valerio Camerano, Amministratore Delegato di A2A "Stiamo procedendo in linea con le strategie stabilite dal Piano Industriale del Gruppo, che prevede importanti investimenti nella green economy. Questi 16 impianti, che si aggiungono ai 18 acquistati a settembre, consentiranno al Gruppo di creare una piattaforma di consolidamento per espansione nelle energie rinnovabili. Proseguiremo in questo percorso, anche attraverso la realizzazione di nuovi impianti di generazione distribuita progettati per le esigenze dei clienti".


L'operazione è stata conclusa da A2A Rinnovabili, la società del Gruppo recentemente costituita per presidiare queste opportunità.


Per A2A è un ulteriore significativo passo nella direzione di una progressiva diversificazione del mix di generazione e di una maggiore attenzione alle opportunità offerte dallo sviluppo delle rinnovabili e delle tecnologie per la conservazione dell'energia al servizio delle famiglie e delle imprese. Si tratta inoltre di un ulteriore contributo al raggiungimento degli obiettivi nazionali e comunitari di riduzione delle emissioni di gas effetto serra.

 

Contatti
A2A - Media Relations
Giuseppe Mariano
Tel. 02 7720.4583
ufficiostampa@a2a.eu
 

mostra
Comunicati stampa">


Comunicati stampa
Con "Doniamo Energia" i progetti selezionati sosterranno 6.000 persone

Al via 15 progetti sul territorio lombardo sostenuti dai 2 milioni messi a disposizione da Banco dell’energia, con il supporto di A2A, e Fondazione Cariplo

Milano, 12 ottobre 2017 - Il bando “Doniamo Energia”, promosso in collaborazione da Banco dell’Energia e Fondazione Cariplo, ha selezionato 15 progetti che verranno finanziati per supportare situazioni di vulnerabilità economica e sociale su tutto il territorio lombardo.


Il Banco dell’energia Onlus è un ente senza scopo di lucro, promosso da A2A e dalle Fondazioni Aem e ASM, nato nel 2016 con l’obiettivo di raccogliere fondi per supportare persone e famiglie appartenenti a fasce sociali deboli a rischio povertà.


L’incontro tra Banco dell’energia e Fondazione Cariplo ha permesso di unire risorse e competenze per sostenere le persone in fragilità economiche con percorsi di sostegno e “ripartenza” a 360°, in prima battuta attraverso la distribuzione di beni di prima necessità o il pagamento di spese urgenti come ad esempio le bollette di qualunque operatore energetico, per poi pensare a percorsi di presa in carico e riattivazione, che prevedano forme di reinserimento lavorativo e sociale e di ripensarsi risorse per la comunità, in un’ottica di welfare generativo.

Sono 68 gli enti non profit che hanno presentato in partenariato i progetti che hanno ottenuto il contributo sul bando “Doniamo energia” e che sosteranno 6.000 persone in difficoltà.


Il bando è stato articolato in due fasi: la prima fase, conclusasi il 15 marzo 2017, prevedeva la presentazione da parte degli Enti interessati di idee progettuali sintetiche: sono pervenute 62 idee, di cui 36 sono state ammesse alla Fase 2 che si è conclusa il 10 luglio 2017.


Sono quindi stati selezionati 15 progetti, che riguardano tutta la Lombardia e nello specifico:

  • 4 Milano città (di cui 3 su zone specifiche della città, tra cui Quarto Oggiaro e Giambellino)
  • 4 provincia di Milano (Comune di Baranzate, Cassano d’Adda, Cernusco sul Naviglio e Sesto San Giovanni)
  • 1 Pavia, 1 Crema, 1 Cremona, 1 Varese, 2 su Brescia e provincia e 1 su tutta la Regione Lombardia.


Sui siti fondazionecariplo.it e bancodellenergia.it è disponibile l’elenco completo dei progetti aggiudicatari e delle organizzazioni capofila che li hanno presentati.


I progetti selezionati, che prendono il via in queste settimane, hanno un costo totale di 3.400.000 euro a fronte di un contributo complessivo di 2 milioni di euro di risorse: un milione garantito da Fondazione Cariplo e uno messo a disposizione dal Banco dell’energia, attraverso un’ampia campagna di raccolta fondi che ha visto il coinvolgimento di A2A e la grande adesione dei suoi amministratori e dipendenti, di aziende fornitrici e clienti, sindacati e pensionati, insieme al contributo delle Fondazioni Aem e Asm. A2A, oltre ad aver sostenuto tutti i costi di avviamento del Banco dell’energia e della raccolta stessa, ha raddoppiato anche le donazioni effettuate dai clienti domestici di A2A Energia, la società commerciale del Gruppo.


“Voglio esprimere la mia gratitudine nei confronti di coloro che hanno partecipato, donato e reso possibile questo importante traguardo” – dichiara Giovanni Valotti, Presidente di A2A – “Il Banco dell’energia può adesso entrare nella fase operativa e 6.000 persone potranno essere aiutate a fronteggiare, e auspicabilmente superare, situazioni di difficoltà. Siamo orgogliosi di questo risultato, per cui ringrazio Fondazione Cariplo. Il Banco dell’energia – prosegue il Presidente – ha messo in moto un’alleanza virtuosa per il bene comune fra cittadini, aziende e imprese del terzo settore, che proseguirà anche nei prossimi anni”


“Siamo alla vigilia di un nuovo inverno – dice il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – Dall’analisi che abbiamo svolto, sappiamo quanto questo periodo metta ancora a dura prova le famiglie in difficoltà. L’iniziativa con A2A è un tassello importante dell’azione che Fondazione Cariplo sta svolgendo a supporto delle povertà e dimostra quanto sia sinergica un’azione comune tra profit e non profit. Povertà educative, povertà alimentari, povertà che non permettono alle famiglie di poter avere energia elettrica e riscaldamento: sono tre aspetti di un’unica medaglia che stiamo cercando di combattere insieme alle istituzioni, agli enti non profit e alle aziende, secondo un modello che poggia sui tre pilastri: pubblico, privato e privato sociale”


In sede di selezione dei progetti si è prestata particolare attenzione alle modalità per individuare i beneficiari - in particolare per quanto riguarda la focalizzazione sulla vulnerabilità e le modalità di intercettazione precoce: farmacie, medici e dentisti, sportelli di consumatori, ma anche sportelli informativi sui territori, sono i luoghi in cui le organizzazioni incontrano le persone che si trovano in un momento di difficoltà economica e sociale e hanno bisogno di un sostegno per poter ripartire. Lo sforzo che è stato premiato in sede di valutazione è quello di guardare alle persone vulnerabili con modalità diverse: spesso i nuovi poveri sono difficili da intercettare da parte degli attori del pubblico e del privato sociale che lavorano con povertà strutturate; le persone che stanno affrontando un momento di difficoltà economica per la prima volta a causa della perdita del lavoro, se non vivono all’interno di un contesto di forti legami sociali (ad esempio non hanno parenti prossimi o una rete amicale di riferimento), si trovano a isolarsi ancor di più. Persone che non hanno mai vissuto prima momenti di crisi sono, da un lato, restie a rivolgersi ai servizi preposti e, dall’altro, difficilmente sanno orientarsi tra servizi e opportunità esistenti. Inoltre le organizzazioni che lavorano con la povertà conclamata, non sempre riescono ad intercettare questo tipo di famiglie.


Il Banco dell’energia sta continuando a raccogliere fondi per riproporre il Bando con Fondazione nel 2018 e per lanciare nuove iniziative. Per partecipare alla raccolta fondi, i clienti di A2A Energia con contratto elettricità (mercato libero) o gas possono richiedere l'addebito diretto della donazione in bolletta. E’ invece sempre possibile effettuare una donazione libera tramite bollettino postale, bonifico o carta di credito. Per chi decidesse di aderire all’addebito in bolletta, l’importo mensile è 1,58 € pari a 19 euro l’anno, che corrisponde a circa 2 settimane di luce. Con la donazione libera è possibile elargire quanto si desidera. A titolo di esempio: 9 € sono il costo di circa
una settimana di luce per una famiglia media, 19 € corrispondono a circa 1 settimana di gas, 39 € a 1 mese di luce e 79 € a 1 mese di gas.

 

Per informazioni:
A2A Media Relations 
Giuseppe Mariano:
02 7720.4583
ufficiostampa@a2a.eu


Bianca Longoni
Ufficio stampa Fondazione Cariplo
tel. 026239405

mostra
Iscriviti a Comunicati stampa