Salta al contenuto principale

Impianti Idroelettrici Friuli

 

 

Centrale di Ampezzo

 

L'impianto utilizza parte delle acque dell'Alto Tagliamento ed affluenti, da quota 980 mslm con un salto di circa 480 metri e si trova a quota 500 mslm circa, in località Plan del Sac, nel comune di Ampezzo.

La centrale è entrata in funzione il 30 marzo 1948 e inaugurata il 27 maggio 1948, poco dopo la morte del fondatore della SADE, società realizzatrice dell’impianto, Giuseppe Volpi (Conte di Misurata) a cui è intitolata.

 

FUNZIONAMENTO

La centrale è alimentata dal serbatoio stagionale del Lumiei, creato dall’omonima diga a doppia curvatura alta circa 130 metri. Alla galleria in pressione lunga circa 4 km, segue una condotta forzata metallica che termina nel collettore di centrale, posto in caverna a quota circa 500 mslm.
Dal collettore si collegano le derivazioni che alimentano i tre gruppi turbina - alternatore ad asse orizzontale ognuno con due giranti Pelton.
Gli alternatori sono collegati a tre trasformatori elevatori posti all'esterno e immettono l'energia prodotta nella rete 130 kV.
I Gruppi di generazione turbina-alternatore sono stati integralmente sostituiti con nuove macchine entrate in servizio negli anni 2011, 2012 e 2013, migliorando sensibilmente le caratteristiche di efficienza energetica.

ARTE IN CENTRALE (1948-50)
Nell’atrio di ingresso della centrale si trovano due dipinti murali, uno raffigurante l’impianto di Ampezzo con la diga del Lumiei, l’altro raffigurante gli impianti realizzati e in progettazione sul bacino del Tagliamento. Inoltre si può ammirare l’enorme dipinto murale raffigurante la diga del Lumiei posto in fondo alla sala macchine.