Salta al contenuto principale

Impianti Termoelettrici

Centrale Termoelettrica di Monfalcone

La Centrale Termoelettrica di Monfalcone è ubicata lungo la sponda orientale del Canale Valentinis e sorge su di un’area di superficie di circa 30 ettari.

Storia 

Le sezioni 1 e 2, alimentate sia con carbone, sia con gasolio per la fase di avviamento, hanno una potenza rispettivamente di 165 e 171 MW, sono entrate in esercizio rispettivamente nel 1965 e nel 1970. Fino al 2012 sono rimaste in servizio anche le sezioni 3 e 4, risalenti al biennio 1983-84. Queste ultime, per ragioni di carattere economico, sono state dichiarate fuori servizio alla fine del 2012.
Nelle due sezioni a carbone, nei primi mesi del 2008 sono entrati in servizio gli impianti DeSOx per l’abbattimento delle emissioni di SO2 ,mentre dal 1° gennaio 2016 sono in regolare servizio anche i DeNOx per l’abbattimento delle emissioni di NOx.
Sono stati recentemente autorizzati dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dal MATTM i lavori di dismissione dei serbatoi ad olio combustibile, ormai non più utilizzato come combustibile. I serbatoi sono già stati bonificati e certificati gas–free; e si inizieranno a breve le attività di dismissione di tutti i serbatoi di combustibili liquidi.

Ambiente

Dal novembre del 2012 è attivo un Tavolo Tecnico Ambientale che vede la presenza, oltre che del gestore della centrale e del Comune di Monfalcone, anche degli altri enti territorialmente competenti: Provincia di Gorizia, Regione Friuli Venezia Giulia, ASL e ARPA. Il Tavolo è presieduto dal Sindaco del Comune di Monfalcone e ha il compito di verificare le attività in corso per la corretta gestione della centrale in accordo alle autorizzazioni in essere, nonché di individuare e promuovere interventi e attività a fini ambientali e di salvaguardia della salute e della sicurezza, integrativi rispetto a quanto previsto dalle norme di legge e dalle autorizzazioni vigenti; interventi che, una volta approvati dal Tavolo, vengono realizzati a cura ed onere del gestore della centrale.
La centrale è autorizzata all’esercizio dall’Autorizzazione Integrata Ambientale del 24 marzo 2009 (AIA poi aggiornata per tener conto della messa in servizio dei nuovi DeNOx, nonché della demolizione dei serbatoi di olio combustibile) e ha validità fino al marzo 2025.
In accordo con le linee strategiche del Piano Energetico Regionale recentemente approvato dalla Regione FVG (giugno 2015), il gestore si è impegnato a presentare, nel corso del periodo di validità dell’AIA (fino a marzo 2025), un piano di riconversione del sito che preveda una graduale diminuzione dell’utilizzo del carbone come combustibile primario per la produzione di energia elettrica e la sua sostituzione con fonti energetiche alternative da individuare nell’ambito del settore delle energie rinnovabili.

Specifiche impianto
Regione Friuli Venezia Giulia
Ubicazione Monfalcone (GO)
Tipologia Centrale termoelettrica
Combustione Carbone
Potenza installata 336 MW
Unità di produzione N. 2 sezioni termoelettriche convenzionali con una potenza rispettivamente di 165 e 171 MW
Anno entrata in esercizio 1975-70 (gr.1 e 2); 1983-84 (gr.3 e 4)
Certificazioni

ISO 9001 (Qualità)
ISO 14001 e EMAS (Ambiente)
OHSAS 18001 (Sicurezza)