Salta al contenuto principale

Il Consiglio di Amministrazione di A2A approva i risultati del processo di impairment e presenta i dati preliminari al 31 dicembre 2016

  • Margine Operativo Lordo superiore a 1,22 miliardi di euro, in crescita del 16%
  • Utile Ante Imposte – al netto delle svalutazioni - pari a circa 350 milioni di euro, (+ 274 milioni di euro)
  • Svalutazioni nette di asset, avviamenti e partecipazioni per complessivi 261 milioni di euro
  • Investimenti per circa 420 milioni di euro, in crescita del 22%
  • Free cash flow operativo per 230 milioni di euro
  • Posizione Finanziaria Netta, inclusiva degli effetti derivanti dalla acquisizione e primo consolidamento di LGH, pari a circa 3,14 miliardi di euro (2,90 miliardi di euro al 31 dicembre 2015). Rapporto PFN / Ebitda ridotto a 2,6x

Milano, 27 febbraio 2017 - Si è riunito oggi il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. che, sotto la Presidenza del Prof. Giovanni Valotti, ha approvato i risultati del processo di impairment redatto ai sensi dello IAS 36 e svolto, come di consueto, avvalendosi del supporto di un riconosciuto professionista terzo indipendente. Il processo ha comportato svalutazioni (al lordo degli effetti fiscali) di asset, avviamenti e partecipazioni per 110 milioni di euro, nonché la ripresa a valore (al lordo degli effetti fiscali) di asset per 51 milioni di euro.

Il Consiglio ha inoltre preso visione dei risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2016, che includono gli effetti del consolidamento per cinque mesi del nuovo gruppo acquisito LGH.

 

Per ulteriori informazioni:
Relazioni con i media:
tel. 02 7720.4583
ufficiostampa@a2a.eu
Investor Relations:
tel.02 7720.3974
ir@a2a.eu