Salta al contenuto principale

Strategia

A2A Business Plan News

Servizio di aggiornamento periodico (solo in lingua inglese) sugli step più significativi del Piano industriale di A2A, come ad esempio investimenti rilevanti, nuovi progetti, sviluppi, contratti e accordi.

 

Notizie sintetiche e non price sensitive riguardanti le linee guida del Piano Strategico (i.e. le 3R, le 3D e i progetti addizionali) e le Business Unit di riferimento.

 

Se vuoi sottoscrivere il servizio e ricevere la newsletter, puoi inviare una email a ir@a2a.eu con oggetto ”Richiesta di iscrizione alla newsletter A2A BP

 

Se desideri invece non ricevere più il newsflow, puoi inviare una email allo stesso indirizzo con oggetto “Richiesta di cancellazione dalla newsletter A2A BP

Acquisizioni e disinvestimenti

Maggio

DISINVESTIMENTI

Cessione del 5,16% di Alpiq AG

Maggio

DISINVESTIMENTI

Cessione del 5,16% di Alpiq AG

Gestione del rischio

Il gruppo A2A si è dotato di un processo di assessment e reporting dei rischi, che si propone di rendere la gestione dei rischi aziendali parte integrante e sistematica dei processi di management. Ispirato alla metodologia dell’Enterprise Risk Management del Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission (CoSO report) tale processo prende spunto anche da altri framework internazionali.

Visualizza la mappa dei rischi di A2A suddivisi per tipologia di stakeholder di riferimento.

Di seguito, una sintesi delle principali tipologie di rischio oggetto del processo di assessment e reporting, aggregate sulla base delle principali caratteristiche:

Categoria Tipologia di rischio Descrizione Presidio
Ambiente competitivo-regolamentare
 
Cambiamenti normativi L’evoluzione della normativa e le azioni intraprese da parte degli Organi regolatori nazionali o dalle Amministrazioni locali possono modificare il contesto competitivo in cui il Gruppo opera. Eventuali modifiche al quadro giuridico-normativo possono comportare costi aggiuntivi e/o minori ricavi, frenare le strategie di sviluppo, provocare un aumento della pressione concorrenziale e/o influenzare sensibilmente la redditività del Gruppo. Nel Gruppo opera un presidio, articolato su più livelli, che prevede il dialogo collaborativo con le Istituzioni e con gli Organismi di governo e regolazione del settore, la partecipazione attiva ad associazioni di categoria ed a gruppi di lavoro istituiti presso gli stessi enti, nonché l’esame delle evoluzioni normative e dei provvedimenti dell’Autorità di settore.
Contesto macroeconomico Le attività del Gruppo sono sensibili ai cicli congiunturali e alle condizioni economiche generali dei Paesi in cui opera. Un rallentamento dell’economia potrebbe determinare, ad esempio, un calo dei consumi o della produzione industriale da parte della clientela, con effetti negativi sulla domanda di energia elettrica e/o degli altri beni e servizi offerti dal Gruppo. Il rischio è presidiato attraverso modalità di programmazione e gestione del parco impianti del Gruppo volte ad ottimizzare le ore di funzionamento degli stessi in relazione alle condizioni di mercato, nonché attraverso specifiche azioni commerciali.
Fiscale e Tributario Il rischio di assolvimento degli obblighi fiscali” fa riferimento a tutte quelle condotte, eventi o circostanze che, sia pure sotto un profilo probabilistico, siano in contrasto con gli obblighi tributari e dunque potenzialmente in grado di produrre un danno non solo di carattere finanziario e patrimoniale, ma anche reputazionale per il Gruppo. Il presidio di questo rischio è demandato a specifiche unità aziendali, dedicate al costante monitoraggio della legislazione vigente in materia fiscale e tributaria, nonché a fornire supporto alle Società del gruppo ai fini del corretto svolgimento dei corrispondenti adempimenti.
Eventi Naturali Variazione climatiche Il consumo di prodotti e servizi erogati dal Gruppo (energia, teleriscaldamento) può essere influenzato negativamente dalle condizioni climatiche. La mancanza di precipitazioni potrebbe inoltre portare a un calo della produzione idroelettrica. Infine, variazioni climatiche permanenti potrebbero avere impatti di business che devono essere adeguatamente anticipati. Il presidio di questo rischio è demandato a specifiche unità aziendali dedicate all’elaborazione di modelli ingegneristici a supporto della programmazione degli impianti idroelettrici, nonché alla gestione/ottimizzazione della produzione/fornitura di calore, anche in relazione all’andamento della domanda.
Fenomeni
naturali
È’ il rischio connesso alla non efficienza dei piani di contingency per la mitigazione degli impatti in termine di salute e sicurezza, ambiente, interruzione dell’operatività aziendale e di continuità del servizio dovuti a fenomeni naturali imprevisti. Il presidio di questo rischio è costituito da procedure e piani di evacuazione di emergenza, procedure che disciplinano le modalità operative sugli impianti, presenza di squadre di pronto intervento, presidio centralizzato per il Gruppo per le tematiche di Qualità, Ambiente e Sicurezza, copertura assicurativa per danni diretti ed indiretti per eventi quali alluvioni, terremoti, inondazioni etc.
Finanziari Commodity Il gruppo A2A, nell’ambito della sua attività industriale, è soggetto alle oscillazioni dei prezzi di mercato delle commodity (gas, carbone, energia, ecc). Tali oscillazioni contribuiscono a rendere indeterminato il margine del gruppo A2A esponendolo a potenziali riduzioni dei margini attesi. Il rischio è presidiato attraverso un costante monitoraggio dei prezzi da parte di una specifica unità organizzativa, con il supporto di sistemi e procedure che governano le modalità di gestione del rischio e di intervento in caso di superamento dei limiti approvati.
Tasso d’interesse Il Gruppo è esposto a fluttuazioni dei tassi di interesse, che potrebbero comportare sia la variazione di valore delle attività e passività finanziarie a tasso fisso, sia la variazione nei flussi di cassa associati ad attività e passività finanziarie a tasso variabile. Un’unità organizzativa dedicata gestisce attivamente il portafoglio di strumenti di debito, valuta il ricorso a strategie di copertura del rischio e svolge analisi specifiche sui tassi di interesse.
Liquidità Il Gruppo è esposto al rischio di non poter ottemperare in modo tempestivo ed efficace agli impegni di pagamento, pregiudicando l’operatività quotidiana o la propria situazione finanziaria. Tale fattispecie può sorgere come risultato di un portafoglio di investimenti/operazioni che generi un flusso di cassa in uscita e/o di un piano delle scadenze di pagamento non allineato alla previsione dei flussi di cassa in entrata. Il controllo e la gestione di tali scenari di rischio sono affidati all'unità organizzativa Finanza, che mitiga il rischio attraverso la contrattualizzazione di apposite linee di credito, la pianificazione preventiva delle esigenze finanziarie e un dialogo stabile con numerosi istituti bancari.
Controparte Tale tipologia di rischio si riferisce alla possibilità che una controparte diretta del Gruppo (controparti finanziarie ed industriali) non adempia alle obbligazioni assunte nei tempi e nei modi stabiliti. Il rischio è presidiato attraverso un monitoraggio costante da parte di specifiche unità organizzative, supportate da sistemi informativi, policy e procedure specifiche volte a disciplinare le diverse fasi del processo del credito. Il rischio è inoltre mitigato con il ricorso ad apposite garanzie collaterali (assicurazioni sul credito, cessione del credito, fideiussioni bancarie, ecc.).
Finanza Default e covenant Esiste la possibilità teorica che il costo di approvvigionamento del capitale di debito possa raggiungere livelli tali da mettere a rischio la stabilità e solidità finanziaria del Gruppo, fino al possibile default. Il costo del capitale è strettamente legato al rating della società. Tale rischio è presidiato attraverso una strutturazione della posizione finanziaria che consente di limitare significativamente l’impatto delle eventuali variazioni del rating sul costo del finanziamento, nonché attraverso un costante dialogo con le agenzie di rating.

 

Categoria Tipologia di rischio Descrizione Presidio
Indirizzo Iniziative strategiche e di Piano Industriale Un’eventuale implementazione non efficace delle iniziative strategiche di Gruppo potrebbe compromettere il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Tale rischio si configura sia per le iniziative di breve termine (Budget) che di lungo termine (Piano Industriale), nonché per le attività di sviluppo ed investimentotd> Il presidio viene assicurato da apposite strutture organizzative e da gruppi di lavoro dedicati allo sviluppo e monitoraggio del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

 

Categoria Tipologia di rischio Descrizione Presidio
Operativi Ambientale Nello svolgimento delle proprie attività il Gruppo potrebbe causare all’ambiente danni tali da esporsi a possibili sanzioni da parte delle Autorità competenti, o dover corrispondere ingenti somme a terze parti per pregiudizi a persone e/o cose, oppure pregiudicare significativamente l’immagine del Gruppo. Tale rischio è particolarmente rilevante per il settore in cui opera A2A, che infatti ha adottato una rigorosa Politica per la Qualità, l’Ambiente e la Sicurezza e dedica un forte impegno al tema della sostenibilità in generale. Il Gruppo presidia questo rischio attraverso Sistemi di gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza aggiornati periodicamente, certificazioni ISO 14001 ed EMAS e presidi organizzativi da parte della Direzione Ambiente, Salute e Sicurezza che, tra le altre attività, svolge analisi ambientali ed audit periodici. Presso tutti gli impianti del Gruppo sono presenti sistemi di monitoraggio delle emissioni e filtri in grado di modificare le caratteristiche dei fumi emessi. E' inoltre presente un modello di organizzazione, gestione e controllo 231 omogeneo ed allineato.
Interruzione di business Il Gruppo è esposto al rischio derivante da interruzioni di attività degli impianti o di criticità nella gestione della manutenzione/prevenzione di questi eventi. Tali scenari rappresentano una criticità tipica per il settore di riferimento. Inoltre, sono considerati come fattori di rischio anche gli eventi estremi o eccezionali (ad esempio: terremoti, alluvioni frane, incendi e azioni terroristiche) che possono influire sulla capacità produttiva/operativa del Gruppo. Questo rischio viene presidiato con l'adozione e il continuo aggiornamento di procedure di manutenzione programmata, sia ordinaria che preventiva, di revisione periodica degli impianti e delle reti, nonché con l’erogazione di corsi di formazione specifica. È inoltre ampiamente diffuso il ricorso a strumenti di controllo e telecontrollo dei parametri tecnici (in grado di consentire l’adeguato monitoraggio e la tempestiva rilevazione delle eventuali anomalie), oltre che, ove possibile, alla ridondanza delle componenti necessarie a garantire la continuità dei processi produttivi.
Livello di servizi al cliente Si tratta di rischi legati all’insoddisfazione delle aspettative dei clienti nell’ambito dell’attività commerciale, con possibili conseguenze in termini di perdita di quote di mercato e deterioramento dei risultati. Il Gruppo presidia questi rischi attraverso processi e procedure costantemente aggiornati, piani di formazione del personale dedicato alle attività di vendita, costante analisi dei reclami della clientela e attuazione dei relativi interventi correttivi, collaborazione attiva con Associazioni dei consumatori.
Credito Si tratta dei rischi connessi ad un inefficiente processo di gestione del credito che comportino ritardi nell’attività di collection, problemi di valutazione sullo stato del credito e difficoltà nel processo e valutazione delle eventuali cessioni di una parte del portafoglio crediti. Il Gruppo presidia questi rischi attraverso specifiche Credit Policy, strumenti di monitoraggio e reporting dell'esposizione creditizia, ottimizzazione del processo di recupero del credito ed uno stretto coordinamento operativo tra le aree commerciali e l'area credito.
Contenziosi legali Il rischio di contenziosi legali fa riferimento a potenziali perdite derivanti da violazioni di leggi o regolamenti, da responsabilità contrattuale o extra-contrattuale ovvero da altre controversie. Il presidio di questo rischio è demandato a specifica unità aziendale dedicata alle gestione delle problematiche legali all’interno del Gruppo (contrattualistica nazionale ed internazionale, contenzioso civile, penale e amministrativo, consulenza legale in genere).
Risorse Competenze Interne Esiste il rischio che, per il perseguimento delle proprie politiche di sviluppo, il Gruppo non disponga di risorse umane pienamente adeguate ad assicurare l’efficacia e l’efficienza della struttura e, quindi, il raggiungimento degli obiettivi. A presidio di tale rischio vengono periodicamente svolti programmi di assessment, percorsi di carriera per famiglie professionali basati su corsi specifici, job rotation e valutazioni annuali delle performance.
Salute e sicurezza Eventuali pregiudizi alla salute e alla sicurezza dei lavoratori potrebbero esporre il Gruppo a significativi costi per rimborso dei danni, oltre che a rischi di reputazione e immagine verso l’opinione pubblica e gli investitori. A tali effetti si possono aggiungerei i costi e le conseguenze derivanti dal mancato rispetto delle normative. Ulteriore fattore di rischio è rappresentato dall’eventuale accesso non autorizzato nei siti produttivi e negli edifici appartenenti al Gruppo. Il presidio del rischio è garantito da: presenza di sistemi di gestione della sicurezza dei lavoratori a norma OHSAS 18001; procedure di attuazione delle normative in materia di prevenzione e protezione, salute e sicurezza dei lavoratori; attività di formazione e aggiornamento dei dipendenti in materia di salute e sicurezza; attività di auditing periodiche; un modello di organizzazione e gestione 231 omogeneo ed allineato. In sintesi, la politica di prevenzione e protezione adottata dal Gruppo mira al "rischio zero".
Information Technology Infrastruttura informatica L’infrastruttura informatica potrebbe risultare inadeguata, con riferimento alle esigenze sia attuali che prospettiche, e non in grado di supportare in modo efficiente le attività di business. A tali elementi si associano anche gli aspetti di processo relativi allo sviluppo coerente con gli obiettivi di Gruppo. Tale rischio è presidiato con l’utilizzo di infrastrutture tecnologiche ridondate, in grado di garantire la continuità del servizio in caso di possibili guasti o eventi non previsti, e con la presenza di sistemi di Disaster Recovery. Sono inoltre operative specifiche policy che regolano l’accesso alle informazioni, nonché sistemi informatici di controllo degli accessi e di prevenzione di eventuali attacchi esterni.
Integrità e sicurezza La completezza, l’accuratezza e l’accesso autorizzato ai dati trattati attraverso modalità informatiche dalle diverse applicazioni e sistemi utilizzati dal Gruppo potrebbero non essere adeguati, consentendo accessi inappropriati ai dati ed alle informazioni confidenziali. Tale rischio è presidiato attraverso specifiche policy operative per l'accesso alle informazioni ed ai dati, review dei profili di accesso per un rilevante numero di applicativi, istituzione di un team composito col compito di prevenire e monitorare attacchi esterni.

 

Categoria Tipologia di rischio Descrizione Presidio
Ambiente competitivo-regolamentare
 
Cambiamenti normativi L’evoluzione della normativa e le azioni intraprese da parte degli Organi regolatori nazionali o dalle Amministrazioni locali possono modificare il contesto competitivo in cui il Gruppo opera. Eventuali modifiche al quadro giuridico-normativo possono comportare costi aggiuntivi e/o minori ricavi, frenare le strategie di sviluppo, provocare un aumento della pressione concorrenziale e/o influenzare sensibilmente la redditività del Gruppo. Nel Gruppo opera un presidio, articolato su più livelli, che prevede il dialogo collaborativo con le Istituzioni e con gli Organismi di governo e regolazione del settore, la partecipazione attiva ad associazioni di categoria ed a gruppi di lavoro istituiti presso gli stessi enti, nonché l’esame delle evoluzioni normative e dei provvedimenti dell’Autorità di settore.
Contesto macroeconomico Le attività del Gruppo sono sensibili ai cicli congiunturali e alle condizioni economiche generali dei Paesi in cui opera. Un rallentamento dell’economia potrebbe determinare, ad esempio, un calo dei consumi o della produzione industriale da parte della clientela, con effetti negativi sulla domanda di energia elettrica e/o degli altri beni e servizi offerti dal Gruppo. Il rischio è presidiato attraverso modalità di programmazione e gestione del parco impianti del Gruppo volte ad ottimizzare le ore di funzionamento degli stessi in relazione alle condizioni di mercato, nonché attraverso specifiche azioni commerciali.
Fiscale e Tributario Il rischio di assolvimento degli obblighi fiscali” fa riferimento a tutte quelle condotte, eventi o circostanze che, sia pure sotto un profilo probabilistico, siano in contrasto con gli obblighi tributari e dunque potenzialmente in grado di produrre un danno non solo di carattere finanziario e patrimoniale, ma anche reputazionale per il Gruppo. Il presidio di questo rischio è demandato a specifiche unità aziendali, dedicate al costante monitoraggio della legislazione vigente in materia fiscale e tributaria, nonché a fornire supporto alle Società del gruppo ai fini del corretto svolgimento dei corrispondenti adempimenti.
Eventi Naturali Variazione climatiche Il consumo di prodotti e servizi erogati dal Gruppo (energia, teleriscaldamento) può essere influenzato negativamente dalle condizioni climatiche. La mancanza di precipitazioni potrebbe inoltre portare a un calo della produzione idroelettrica. Infine, variazioni climatiche permanenti potrebbero avere impatti di business che devono essere adeguatamente anticipati. Il presidio di questo rischio è demandato a specifiche unità aziendali dedicate all’elaborazione di modelli ingegneristici a supporto della programmazione degli impianti idroelettrici, nonché alla gestione/ottimizzazione della produzione/fornitura di calore, anche in relazione all’andamento della domanda.
Fenomeni
naturali
È’ il rischio connesso alla non efficienza dei piani di contingency per la mitigazione degli impatti in termine di salute e sicurezza, ambiente, interruzione dell’operatività aziendale e di continuità del servizio dovuti a fenomeni naturali imprevisti. Il presidio di questo rischio è costituito da procedure e piani di evacuazione di emergenza, procedure che disciplinano le modalità operative sugli impianti, presenza di squadre di pronto intervento, presidio centralizzato per il Gruppo per le tematiche di Qualità, Ambiente e Sicurezza, copertura assicurativa per danni diretti ed indiretti per eventi quali alluvioni, terremoti, inondazioni etc.
Finanziari Commodity Il gruppo A2A, nell’ambito della sua attività industriale, è soggetto alle oscillazioni dei prezzi di mercato delle commodity (gas, carbone, energia, ecc). Tali oscillazioni contribuiscono a rendere indeterminato il margine del gruppo A2A esponendolo a potenziali riduzioni dei margini attesi. Il rischio è presidiato attraverso un costante monitoraggio dei prezzi da parte di una specifica unità organizzativa, con il supporto di sistemi e procedure che governano le modalità di gestione del rischio e di intervento in caso di superamento dei limiti approvati.
Tasso d’interesse Il Gruppo è esposto a fluttuazioni dei tassi di interesse, che potrebbero comportare sia la variazione di valore delle attività e passività finanziarie a tasso fisso, sia la variazione nei flussi di cassa associati ad attività e passività finanziarie a tasso variabile. Un’unità organizzativa dedicata gestisce attivamente il portafoglio di strumenti di debito, valuta il ricorso a strategie di copertura del rischio e svolge analisi specifiche sui tassi di interesse.
Liquidità Il Gruppo è esposto al rischio di non poter ottemperare in modo tempestivo ed efficace agli impegni di pagamento, pregiudicando l’operatività quotidiana o la propria situazione finanziaria. Tale fattispecie può sorgere come risultato di un portafoglio di investimenti/operazioni che generi un flusso di cassa in uscita e/o di un piano delle scadenze di pagamento non allineato alla previsione dei flussi di cassa in entrata. Il controllo e la gestione di tali scenari di rischio sono affidati all'unità organizzativa Finanza, che mitiga il rischio attraverso la contrattualizzazione di apposite linee di credito, la pianificazione preventiva delle esigenze finanziarie e un dialogo stabile con numerosi istituti bancari.
Controparte Tale tipologia di rischio si riferisce alla possibilità che una controparte diretta del Gruppo (controparti finanziarie ed industriali) non adempia alle obbligazioni assunte nei tempi e nei modi stabiliti. Il rischio è presidiato attraverso un monitoraggio costante da parte di specifiche unità organizzative, supportate da sistemi informativi, policy e procedure specifiche volte a disciplinare le diverse fasi del processo del credito. Il rischio è inoltre mitigato con il ricorso ad apposite garanzie collaterali (assicurazioni sul credito, cessione del credito, fideiussioni bancarie, ecc.).
Finanza Default e covenant Esiste la possibilità teorica che il costo di approvvigionamento del capitale di debito possa raggiungere livelli tali da mettere a rischio la stabilità e solidità finanziaria del Gruppo, fino al possibile default. Il costo del capitale è strettamente legato al rating della società. Tale rischio è presidiato attraverso una strutturazione della posizione finanziaria che consente di limitare significativamente l’impatto delle eventuali variazioni del rating sul costo del finanziamento, nonché attraverso un costante dialogo con le agenzie di rating.

 

Categoria Tipologia di rischio Descrizione Presidio
Indirizzo Iniziative strategiche e di Piano Industriale Un’eventuale implementazione non efficace delle iniziative strategiche di Gruppo potrebbe compromettere il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Tale rischio si configura sia per le iniziative di breve termine (Budget) che di lungo termine (Piano Industriale), nonché per le attività di sviluppo ed investimentotd> Il presidio viene assicurato da apposite strutture organizzative e da gruppi di lavoro dedicati allo sviluppo e monitoraggio del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

 

Categoria Tipologia di rischio Descrizione Presidio
Operativi Ambientale Nello svolgimento delle proprie attività il Gruppo potrebbe causare all’ambiente danni tali da esporsi a possibili sanzioni da parte delle Autorità competenti, o dover corrispondere ingenti somme a terze parti per pregiudizi a persone e/o cose, oppure pregiudicare significativamente l’immagine del Gruppo. Tale rischio è particolarmente rilevante per il settore in cui opera A2A, che infatti ha adottato una rigorosa Politica per la Qualità, l’Ambiente e la Sicurezza e dedica un forte impegno al tema della sostenibilità in generale. Il Gruppo presidia questo rischio attraverso Sistemi di gestione Qualità, Ambiente e Sicurezza aggiornati periodicamente, certificazioni ISO 14001 ed EMAS e presidi organizzativi da parte della Direzione Ambiente, Salute e Sicurezza che, tra le altre attività, svolge analisi ambientali ed audit periodici. Presso tutti gli impianti del Gruppo sono presenti sistemi di monitoraggio delle emissioni e filtri in grado di modificare le caratteristiche dei fumi emessi. E' inoltre presente un modello di organizzazione, gestione e controllo 231 omogeneo ed allineato.
Interruzione di business Il Gruppo è esposto al rischio derivante da interruzioni di attività degli impianti o di criticità nella gestione della manutenzione/prevenzione di questi eventi. Tali scenari rappresentano una criticità tipica per il settore di riferimento. Inoltre, sono considerati come fattori di rischio anche gli eventi estremi o eccezionali (ad esempio: terremoti, alluvioni frane, incendi e azioni terroristiche) che possono influire sulla capacità produttiva/operativa del Gruppo. Questo rischio viene presidiato con l'adozione e il continuo aggiornamento di procedure di manutenzione programmata, sia ordinaria che preventiva, di revisione periodica degli impianti e delle reti, nonché con l’erogazione di corsi di formazione specifica. È inoltre ampiamente diffuso il ricorso a strumenti di controllo e telecontrollo dei parametri tecnici (in grado di consentire l’adeguato monitoraggio e la tempestiva rilevazione delle eventuali anomalie), oltre che, ove possibile, alla ridondanza delle componenti necessarie a garantire la continuità dei processi produttivi.
Livello di servizi al cliente Si tratta di rischi legati all’insoddisfazione delle aspettative dei clienti nell’ambito dell’attività commerciale, con possibili conseguenze in termini di perdita di quote di mercato e deterioramento dei risultati. Il Gruppo presidia questi rischi attraverso processi e procedure costantemente aggiornati, piani di formazione del personale dedicato alle attività di vendita, costante analisi dei reclami della clientela e attuazione dei relativi interventi correttivi, collaborazione attiva con Associazioni dei consumatori.
Credito Si tratta dei rischi connessi ad un inefficiente processo di gestione del credito che comportino ritardi nell’attività di collection, problemi di valutazione sullo stato del credito e difficoltà nel processo e valutazione delle eventuali cessioni di una parte del portafoglio crediti. Il Gruppo presidia questi rischi attraverso specifiche Credit Policy, strumenti di monitoraggio e reporting dell'esposizione creditizia, ottimizzazione del processo di recupero del credito ed uno stretto coordinamento operativo tra le aree commerciali e l'area credito.
Contenziosi legali Il rischio di contenziosi legali fa riferimento a potenziali perdite derivanti da violazioni di leggi o regolamenti, da responsabilità contrattuale o extra-contrattuale ovvero da altre controversie. Il presidio di questo rischio è demandato a specifica unità aziendale dedicata alle gestione delle problematiche legali all’interno del Gruppo (contrattualistica nazionale ed internazionale, contenzioso civile, penale e amministrativo, consulenza legale in genere).
Risorse Competenze Interne Esiste il rischio che, per il perseguimento delle proprie politiche di sviluppo, il Gruppo non disponga di risorse umane pienamente adeguate ad assicurare l’efficacia e l’efficienza della struttura e, quindi, il raggiungimento degli obiettivi. A presidio di tale rischio vengono periodicamente svolti programmi di assessment, percorsi di carriera per famiglie professionali basati su corsi specifici, job rotation e valutazioni annuali delle performance.
Salute e sicurezza Eventuali pregiudizi alla salute e alla sicurezza dei lavoratori potrebbero esporre il Gruppo a significativi costi per rimborso dei danni, oltre che a rischi di reputazione e immagine verso l’opinione pubblica e gli investitori. A tali effetti si possono aggiungerei i costi e le conseguenze derivanti dal mancato rispetto delle normative. Ulteriore fattore di rischio è rappresentato dall’eventuale accesso non autorizzato nei siti produttivi e negli edifici appartenenti al Gruppo. Il presidio del rischio è garantito da: presenza di sistemi di gestione della sicurezza dei lavoratori a norma OHSAS 18001; procedure di attuazione delle normative in materia di prevenzione e protezione, salute e sicurezza dei lavoratori; attività di formazione e aggiornamento dei dipendenti in materia di salute e sicurezza; attività di auditing periodiche; un modello di organizzazione e gestione 231 omogeneo ed allineato. In sintesi, la politica di prevenzione e protezione adottata dal Gruppo mira al "rischio zero".
Information Technology Infrastruttura informatica L’infrastruttura informatica potrebbe risultare inadeguata, con riferimento alle esigenze sia attuali che prospettiche, e non in grado di supportare in modo efficiente le attività di business. A tali elementi si associano anche gli aspetti di processo relativi allo sviluppo coerente con gli obiettivi di Gruppo. Tale rischio è presidiato con l’utilizzo di infrastrutture tecnologiche ridondate, in grado di garantire la continuità del servizio in caso di possibili guasti o eventi non previsti, e con la presenza di sistemi di Disaster Recovery. Sono inoltre operative specifiche policy che regolano l’accesso alle informazioni, nonché sistemi informatici di controllo degli accessi e di prevenzione di eventuali attacchi esterni.
Integrità e sicurezza La completezza, l’accuratezza e l’accesso autorizzato ai dati trattati attraverso modalità informatiche dalle diverse applicazioni e sistemi utilizzati dal Gruppo potrebbero non essere adeguati, consentendo accessi inappropriati ai dati ed alle informazioni confidenziali. Tale rischio è presidiato attraverso specifiche policy operative per l'accesso alle informazioni ed ai dati, review dei profili di accesso per un rilevante numero di applicativi, istituzione di un team composito col compito di prevenire e monitorare attacchi esterni.