Salta al contenuto principale
News">


News
Fusione UBI BANCA in INTESA SAN PAOLO SPA: cambiano le coordinate bancarie

A seguito della fusione di UBI BANCA in INTESA SAN PAOLO SPA, a partire dal 12 aprile 2021 saranno modificate le coordinate dei conti correnti bancari delle società del gruppo A2A.

Per effettuare un pagamento tramite bonifico bancario, invitiamo i clienti a scoprire le nuove coordinate sui siti dedicati:

www.a2acaloreservizi.eu

www.a2acicloidrico.eu

www.asvt-spa.it

www.camunaenergia.eu

www.retragas.it

www.unareti.it

mostra
News">


News
Avviso Unareti. Interruzioni di energia elettrica

Milano, 1 aprile 2021 – Nel corso della mattina di giovedì 1 aprile si è verificato un guasto sulla rete di distribuzione dell’energia elettrica di media tensione che ha interessato alcune centinaia di utenze di Milano.

Parte delle utenze è stata rialimentata tempestivamente grazie alle manovre effettuate dai tecnici Unareti dalla sala operativa di telecontrollo, mirate a modificare l’assetto della rete e isolare le parti dell’impianto su cui è necessario intervenire.

Il Pronto Intervento di Unareti è al lavoro per completare la riattivazione dell’erogazione della corrente elettrica: le attività messe in campo prevedono il posizionamento di generatori elettrici, manovre sulla rete di distribuzione di bassa tensione, la ricerca del guasto in loco e lo scavo per riparare il tratto di rete interessato. Unareti si scusa per i disagi che si sono verificati ed assicura il massimo sforzo per riuscire a ripristinare la fornitura nel minor tempo possibile, con la previsione di rialimentare tutte le utenze entro il pomeriggio.

Si invitano a segnalare eventuali problemi relativi alla situazione esclusivamente al numero di pronto intervento 800 933301 per una migliore gestione. E’ inoltre attivo un servizio dedicato per ricevere via SMS le segnalazioni di Unareti riguardo interruzioni accidentali o programmate che interessano la propria zona, per maggiori info visita il sito unareti

mostra
News">
Il venture capital e il sostegno all’innovazione

News
Il venture capital e il sostegno all’innovazione

Il Gruppo A2A è da sempre attento ai temi dell’innovazione. Per questo guarda al Corporate Venture Capital come a un’opportunità nuova per promuovere l’innovazione in ambiti strategici, attraverso il sostegno a startup ad altro potenziale di crescita. Ma per capire meglio questo settore nuovo e poco conosciuto in Italia, lasciamo parlare gli esperti di VC Hub Italia, l’associazione italiana dei Venture Capital, che attraverso i suoi investitori ha scommesso complessivamente, su oltre 250 startup italiane ad alto potenziale di crescita e forte contenuto tecnologico. 

Con Francesco Cerruti, Direttore Generale di VC Hub Italia, entriamo per gradi nell’interessante mondo del Venture Capital e del Corporate Venture Capital, per comprendere quali opportunità riservano.


Cos’è il Venture Capital

In italiano si direbbe “capitale di ventura” e la traduzione ci serve a dare un’idea precisa di una forma di investimento, il Venture Capital, che fa del rischio e della speranza di buona ventura, di buona sorte, la strategia principale, con l’obiettivo di possibili futuri ritorni economici. 

“Il Venture Capital è un tipo di finanza alternativa, ad alto rischio, destinato alle startup innovative: giovani imprese che si costituiscono su un’idea che deve essere trasformata in progetto, prima, e in realtà imprenditoriale, poi” spiega Francesco Cerruti.

Imprese che non hanno risorse né garanzia di successo e che, grazie al Venture Capital possono, forse, intravedere un’opportunità concreta di realizzazione attraverso una crescita che potremmo definire “per scalini”, per indicare i vari step del finanziamento e dell’attuazione dell’idea progettuale. 

Come nasce un fondo di Venture Capital?

“Il Venture Capital nasce da un doppio processo: da un lato la raccolta di fondi attraverso la ricerca di investitori interessati a questo tipo di business, dall’altro l’individuazione delle startup e la destinazione dei fondi raccolti” prosegue Cerruti.

Gli investitori possono essere di tre tipi: statali e parastatali (come Cassa Depositi e Prestiti), i più numerosi; singoli privati, un’eventualità rara perché bisogna avere patrimoni personali molto cospicui (dai 5 milioni di euro in su); le imprese, ultime arrivate nello scenario del Venture Capital. 

Individuati gli investitori, parte la seconda fase con il team che va a comporre il fondo e decide a che tipo di realtà guardare (italiane, europee, green, etc.). Inizia così il lavoro di scouting delle startup su cui investire e l’avvio dell’investimento per un totale di 5 anni.  
In questo periodo può succedere che alcune realtà non riescano a decollare (la mortalità delle startup è di 3 su 4 durante i primi anni). Dal sesto al decimo anno inizia, invece, la fase di cessione a terzi delle quote dell’azienda che è riuscita a partire, con l’obiettivo di guadagnare. Se infatti, l’impresa è decollata, gli investitori possono garantirsi exit che li ripagano abbondantemente anche di quanto eventualmente perduto in altre imprese fallite.

Perché investire nel Venture Capital

Il guadagno: si tratta di un investimento con perdite consistenti, ma se si fa l’investimento giusto, si hanno grandi ritorni economici
La passione: investire in innovazione significa credere nel futuro del Paese
 

Dal Venture Capital al Corporate Venture capital

Una delle forme più giovani di Venture Capital è il Corporate Venture Capital, un modo nuovo e non troppo diffuso, almeno in Italia, usato dalle aziende per investire in innovazione. 

“Attraverso il Corporate Venture Capital – continua il Direttore Generale di VC Hub Italia - l’azienda rileva quote di capitale di una stratup innovativa non nell’ottica del solo ritorno finanziario, come per il Venture Capital tradizionale, ma per esternalizzare l’innovazione aziendale scommettendo su una realtà giovane”.

Sostanzialmente si tratta di un percorso di ricerca e sviluppo affidato esternamente con la speranza che possa diventare utile internamente per sviluppare e innovare un determinato ambito produttivo. La startup scelta è generalmente affine per tipo di attività al finanziatore e, una volta cresciuta, può essere integrata in house per portare miglioramenti e crescita nel sistema aziendale. 

Il volto giovane dell’azienda

Il Corporate Venture Capital è una pratica tipica delle realtà illuminate perché, oltre a portare novità in azienda, consente di investire in realtà giovani. Non è però ancora molto diffuso in Italia e i settori attualmente più sviluppati sono l’e-commerce, il lifescience e i sistemi di scambio del denaro smart. 

Il CVC di A2A

Poche ma buone, dunque, le esperienze di Corporate Venture Capital in Italia. Tra queste anche il progetto del Gruppo A2A, che ha l’obiettivo di promuovere l’innovazione di Gruppo attraverso investimenti in startup ad alto potenziale innovativo e di crescita.

Si tratta di un progetto concreto che prevede l’investimento di risorse ingenti nei prossimi anni. Il programma è focalizzato su startup seed e early stage operanti in Italia o Sud Europa in ambiti di business strategici per il Gruppo come l’economia circolare, la transizione energetica, la mobilità e le nuove tecnologie per realizzare le città del futuro.
Alcuni fra i diversi partners coinvolti nel progetto sono Capital 360, principale operatore di Venture Capital in Europa, e il Politecnico di Milano con il fondo Poli360, che fa leva sulle potenzialità di ricerca dell’Università nonché sul Technology Transfer Office (TTO) e sull’incubatore Polihub.

Per il Gruppo il progetto rappresenta una modalità nuova di rafforzamento interno, di promozione dell’innovazione e, più di tutto, una scommessa su realtà giovani in grado di portare certamente valore economico e crescita, ma anche ricadute positive nei territori dove A2A opera e a tutto l’ecosistema dell’innovazione.
 

mostra
News">


News
Prenota online l’appuntamento agli sportelli A2A  

Gestione dei contratti, richieste di preventivi, verifica dei consumi, ritiro tessere rifiuti ma anche informazioni di carattere generale. Per queste e altre esigenze, prendere l’appuntamento con le società del Gruppo A2A è diventato facile con un click. Tutto questo grazie alla nuova piattaforma, attiva dal14 dicembre 2020, dedicata alle prenotazioni on line. Sia i privati che le aziende o i professionisti, potranno scegliere data e ora dei loro appuntamenti, evitando le attese agli sportelli e quindi assembramenti.
 
Ecco le sedi del gruppo dove è attiva la prenotazione online:

  • A2A Energia, sportello di Brescia via Lamarmora
  • A2A Ciclo Idrico, sportelli di Brescia via Lamarmora, di Gardone Val Trompia e di Vobarno
  • Aprica,  sportelli di Brescia via Lamarmora e via Codignole; sportello di Bergamo via Suardi
  • A2A Calore e Servizi, sportello di Brescia via Lamarmora
  • Azienda Servizi Valtrompia, sportello di Gardone Val Trombia e di Brescia via Lamarmora

 
Come fare la prenotazione?
Basta accedere al sito dedicato. La procedura di prenotazione consente, in pochi passaggi, di scegliere il tipo di appuntamento di cui si ha bisogno.Completato il processo di prenotazione, si riceverà una email di conferma contenente il QRcode da presentareil giorno dell’appuntamento per effettuare il check-in attraverso i totem dedicati.
 
Si tratta di un servizio in più che, in questo periodo di diffusione della pandemia da Covid-19, consente ai clienti e al personale di A2A di gestire in sicurezza e con l’adeguato distanziamento gli appuntamenti e tutte le necessità degli utenti evitando le attese nelle sedi.
 
Per informazioni
Per informazioni su tutti i canali di contatto online del Gruppo A2A, clicca qui.

 

mostra
News">
A2A augura buon Natale di luce ai milanesi

News
#città2a - Auguriamo buon Natale di luce ai milanesi

Un “Albero di luce” fatto di cannicci con all’interno led luminosi sospesi e in movimento. Una bellissima e coreografica installazione realizzata dal Gruppo A2A per augurare buon Natale alla città di Milano. 

L’albero di A2A
“L’Albero di luce” è un’oasi luminosa posizionata nell’importante piazza Sempione, proprio di fronte all’Arco della Pace, e si inserisce nell’ambito dell’iniziativa del Comune il Natale degli Alberi.  Alto 9 metri con una base di 12, l’Albero di A2A prende forma grazie a sciami luminosi e sonori che generano una coreografia naturale e suscitano meraviglia. Nasce dal desiderio di donare bellezza alla città ed è visibile sia di giorno che di notte e da ogni angolazione. E’ un albero importante, che oltre ad esprimere tutta l’energia positiva del capoluogo, ne incarna i valori di vicinanza, solidarietà e sostenibilità, quest’anno più importanti che mai.

Le luci della sede
Gli stessi valori dell’Albero di luce si ritrovano anche nell’illuminazione allestita da A2A sulla facciata della propria sede di C.so di Porta Vittoria. Un’installazione ispirata alle lucciole che, riprendendo i colori della tradizione natalizia e di A2A, ricrea un meraviglioso paesaggio onirico e luminescente, metafora del grande impegno nel garantire i servizi essenziali. 

Il legame tra A2A e Milano
Con le luci di Natale 2020, A2A vuole raccontarsi come un’azienda orientata al futuro, che desidera crescere e innovarsi nel rispetto dei principi di sostenibilità̀ e dell’economia circolare. 
 

mostra
News">


News
A2A accende il Natale a Milano e Brescia

Il Natale 2020 non sarà come tutti gli altri. Ma uguale, se non superiore, sarà il desiderio di sentirsi vicini. Partendo da questa esigenza diffusa, il Gruppo A2A, anche quest’anno, ha pensato ad illuminare il Natale di Milano e Brescia in modo “caldo” e armonioso. Per contribuire, malgrado tutto, all’atmosfera di festa e confermare, ancora una volta, lo stretto legame che ha con due città.

Per Milano, A2A ha voluto partecipare all’iniziativa del Comune il Natale degli Alberi grazie al suo “Albero di luce” che, installato in un luogo importante come piazza Sempione, si inserirà. Un albero prestigioso, fatto di cannicci con all’interno led luminosi sospesi e in movimento, che creerà un’oasi di luce capace di esprimere tutta la forza dell’energia positiva insita nel Natale e nel capoluogo.

Per Brescia, A2A ha voluto dedicare alla città un nuovo progetto legato alla luce: Largo Formentone, Palazzo Loggia e la Pinacoteca Tosio Martinengo si ‘vestono’ di nuova luce, con proiezioni architetturali e musica in sottofondo per augurare Buon Natale e un sereno 2021.
Largo Formentone diventa teatro di un emozionante "Album dei ricordi", con tante immagini proiettate sul grande muro dell’edificio che si affaccia sulla piazza, per rievocare la città di ieri e ma con la voglia di immaginare quella di domani.

Queste illuminazioni si accenderanno a Brescia il 6 e a Milano il 7 dicembre.

mostra
Iscriviti a News