Salta al contenuto principale
News">


News
La bolletta del teleriscaldamento di A2A Calore e Servizi si innova con l’obiettivo di migliorarne trasparenza e leggibilità

Dal mese di gennaio tutti i clienti che hanno una fornitura di teleriscaldamento riceveranno la nuova bolletta, in linea con quelle utilizzate dalle altre società del Gruppo A2A sia in termini di design e che di maggior chiarezza raggiunta grazie ad una importante armonizzazione dei suoi contenuti. 

Migliorare la leggibilità delle bollette aiuta il cliente nella verifica dei consumi e delle spese. La nuova bolletta è  stata pensata per rispondere alle domande più frequenti del consumatore.
Grazie a una grafica completamente rivista, oggi il documento mette in evidenza:

  • l'importo da pagare e la data di scadenza;
  • la situazione amministrativa personale;
  • i servizi dell’area clienti. 

Uno spazio importante è dedicato anche alle modalità di contatto che A2A Calore e Servizi mette a disposizione della clientela per informazioni, segnalazioni e reclami.
Sul retro della fattura è riportata la composizione della spesa con le specifiche letture e relativi periodi dii utilizzo, gli altri importi e le imposte, sono evidenziati gli elementi identificativi della fornitura, potenza contrattuale, tipologie di uso e di prezzo.
In particolare rilievo, inoltre, sono riportate eventuali agevolazioni.
Per facilitare maggiormente il cliente la nuova bolletta contiene anche uno spazio per eventuali informazioni aggiuntive che possono essere di interesse e quelle indicate dall' Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Anche questo nuovo documento, come il precedente, è disponibile sia via email che consultabile all'interno dell'Area clienti.

mostra
News">


News
Nuova luce al dipinto sulla volta della Centrale di Somplago

A2A restituisce valore al patrimonio artistico del Friuli Venezia Giulia

L’opera di restauro dell’affresco creata nel 1958 dall’artista Walter Resentera posto sulla volta della Centrale Idroelettrica di Somplago è stata al centro dell’evento che si è tenuto giovedì 12 dicembre presso la Centrale Idroelettrica di Somplago (UD).
Più di 100 invitati tra i quali: autorità locali, rappresentanti delle più importanti realtà associative hanno potuto apprezzare l’imponente opera anche coadiuvati dalle spiegazioni tecniche di recupero illustrate maestro restauratore Stefano Tracanelli cha illustrato il lavoro effettuato.
La storia del Friuli raccontata da Resentera ha ricevuto anche la benedizione di Don Bellini, Parroco di Cavazzo Carnico.

mostra
News">
Corporate Car Sharing

News
Al via il nuovo “Corporate Car Sharing” di A2A

Migliorare la qualità della vita lavorativa dei dipendenti e i servizi a loro disposizione per svolgere al meglio le attività professionali. Ma anche allargare i benefici dell’ufficio al tempo libero e alla vita familiare. Questo l’obiettivo del gruppo A2A: di recente abbiamo introdotto la possibilità per i lavoratori di usufruire delle auto aziendali anche oltre l’orario di lavoro.
Si tratta del "Corporate Car Sharing, una nuova idea di mobilità per il lavoro e il tempo libero" che va di pari passo con il rinnovo del parco mezzi.

A2A Corporate Car Sharing

A2A Corporate car sharing nasce in occasione del rinnovo parco auto aziendale. In una logica consolidata di attenzione al benessere del lavoratore prende vita l’idea di estendere l’utilizzo dei nuovi veicoli anche durante il tempo libero.
In termini pratici questo significa, ferma restando la priorità all’utilizzo lavorativo, che le macchine del gruppo possono ora essere prenotate e utilizzate dai dipendenti, anche per un intero weekend, con tariffe agevolate rispetto al car sharing esterno.

In un’ottica di semplificazione aziendale e immediatezza si fa smart anche la procedura per prenotare l’auto, che può essere riservata in anticipo o presa in base alle necessità. Il servizio, infatti, si appoggia su una piattaforma innovativa e i dipendenti hanno a disposizione l’App “Ald Car Sharing” che consente la prenotazione dei viaggi sia per motivi di lavoro che personali e che offre altre informazioni sull’utilizzo del veicolo, gli spostamenti e l’elenco di tutti i percorsi effettuati.
 

A2A e la sostenibilità

Oltre che benefici per i lavoratori e per l’azienda che ottimizza le sue risorse, il progetto ha anche una forte valenza ambientale perché, grazie alla condivisione, consente di ridurre i veicoli in circolazione con ripercussioni positive sulla sostenibilità collettiva anche grazie all’introduzione di alcune motorizzazioni a metano.
 
Anche questa iniziativa contribuisce allo sviluppo della Citta2a, dove i servizi sono pensati per migliorare lo stile di vita delle persone sempre nel rispetto dell’ambiente.

mostra
News">
Polifunzionale

News
Naturale e flessibile. A Brescia una nuova sede A2A

Un edificio innovativo, funzionale e sostenibile. Un luogo di lavoro proiettato verso il futuro, che punta prima di tutto al benessere delle persone e alla  compatibilità ambientale. È il nuovo smart space che sorgerà presso la sede di A2A a Brescia. Il  progetto è stato presentato in occasione della posa della prima pietra il 9 dicembre dai vertici dell’azienda e dall'architetto Massimo Roj di Progetto CMR, alla presenza dell’amministrazione Comunale e della stampa. Uno spazio polifunzionale e versatile destinato ad usi diversi, dalla ristorazione aziendale al coworking agli eventi interni; perfettamente in linea con lo spirito innovativo del Gruppo A2A.

L’edificio

Una grande idea di fondo che si concretizza in un edificio di 3.700 metri quadrati distribuiti su 4 piani, e suddivisi in zone formali e informali, contraddistinte da uno stile essenziale che si ritrova anche nella scelta dei colori: bianco, verde e testa di moro. Spazi flessibili e modulabili in base alle necessità si alternano a zone ben definite, open space e uffici dedicati a team di lavoro specifici.
Tutto con l’obiettivo di facilitare il lavoro creativo, migliorando il lavoro in team e stimolando le capacità individuali.

La sostenibilità

Il nuovo smart space avrà anche una chiara impronta sostenibile: performante grazie al teleriscaldamento e tele-raffreddamento, ha un approccio bioclimatico che sfrutta al massimo gli apporti energetici naturali: il free cooling in estate e nelle mezze stagioni che consente la ventilazione naturale; il recupero del calore prodotto internamente, per il riscaldamento in inverno. La terrazza di copertura consacrata a pannelli fotovoltaici, infine, assicura l’ulteriore sostenibilità economica e ambientale ai consumi energetici.

I plus della progettazione

Il nido: l’edificio è stato concepito come un grande “pergolato” costituito da telai modulari in acciaio che ricordano il “nido”, simbolo di una forte attenzione per l’ambiente insieme alla volontà di riavvicinarsi alla natura in termini sia etici che estetici.

Il tunnel verde: un  altro  elemento caratteristico è il ‘tunnel’ creato dalla successione dei telai in acciaio sul quale sono fissati tiranti per la crescita di piante rampicanti. Una scelta estetica ma anche la volontà di creare uno schermo naturale sui fronti più esposti al sole estivo come la copertura superiore e i lati ovest ed est dell’edificio.

I consumi: l’edificio è studiato per sfruttare l’energia naturale e ridurre i consumi. L’obiettivo è il raggiungimento di un bilancio energetico zero (ZEB).

Un ambiente pensato per il benessere delle persone e un nuovo modo di essere presenti nel nostro territorio, con il minor impatto ambientale, l’apertura verso nuove forme di collaborazione e il dialogo sempre aperto con la città.

mostra
News">
a2action vincitori

News
A2Action: evento finale con Max Laudadio

A2Action, la caccia al tesoro digitale nata per coinvolgere in modo divertente i cittadini di Brescia e provincia sui temi della sostenibilità, ha decretato il suo vincitore: si tratta di Paolo Di Pino che si è aggiudicato la Vespa elettrica messa in palio da A2A.

Le premiazioni si sono svolte venerdì 15 novembre al termoutilizzatore di Brescia, nel corso dell’evento finale che ha visto ancora una volta mattatore Max Laudadio, volto noto di Striscia la Notizia e testimonial della caccia al tesoro.

La caccia al tesoro, lanciata nel corso della presentazione del Bilancio di Sostenibilità di Brescia avvenuta il 29 ottobre scorso all’Università degli Studi, ha avuto inizio il 9 novembre: da quel giorno il sito dedicato - a2action.a2a.eu - ha segnalato le 10 sfide da affrontare e risolvere, nel corso delle quali i concorrenti hanno messo alla prova le loro abilità e conoscenze.

Tra le dieci prove, anche alcune svolte in “esterna” (alla Fonte di Mompiano, alla sede dell’Università in Santa Chiara e al Giornale di Brescia), dove i concorrenti si sono recati in un certo giorno e orario per trovare la risposta e inserirla online il più velocemente possibile. 

Tutti i partecipanti sono stati invitati alla premiazione finale del 15 novembre: la Vespa è andata al primo classificato, che ha risposto esattamente a tutte le domande nel minor tempo. 

Tra tutti gli altri concorrenti, che hanno risposto esattamente alle 10 domande, sono state assegnate ad estrazione due bici elettriche. I fortunati sono stati Giacomo Abondio e Giusi Lorandi.
 

mostra
News">
Concorso Start Up Light Up

News
Start Up/Light Up: un concorso per idee che fanno nuova luce

Studenti, ricercatori, dottorandi, creativi, designers, startup, spinoff e PMI. Ecco chi può partecipare, singolarmente o in team, al Concorso Start Up/Light Up dedicato a progetti di startup o innovativi nel settore dell’illuminazione, della domotica e della smart city. L’iniziativa, alla sua prima edizione, è organizzata da AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione) e realizzata anche grazie al contributo di A2A Illuminazione Pubblica, società del Gruppo A2A, che partecipa in qualità di Main sponsor. Tre gli ambiti tematici sui quali sviluppare idee creative e innovative

  • l’illuminazione intelligente per la città del futuro
  • l’illuminazione intelligente per la sostenibilità ambientale e l’impresa sociale
  • “Smart home” e “Smart building”

I progetti devono essere presentati entro il 30 marzo 2020 e saranno valutati da una giuria di esperti che sceglierà i tre vincitori del contest, uno per ciascuna sezione tematica. Le premiazioni si terranno il 21 maggio 2020 a Napoli, alla Città della Scienza, durante la prima delle due giornate del Congresso Nazionale di AIDI. In palio per i tre vincitori, 3mila euro ciascuno (in alternativa, un percorso di 4 mesi con l’incubatore Campania NewSteel), un viaggio di 3 giorni in Israele alla scoperta dell’ecosistema di start up tecnologiche e una serie di incontri con rappresentanti di importanti aziende e utility del settore.

 

Perché partecipare al Concorso Start Up/Light Up?

Per dare il proprio contributo creativo al miglioramento dell'illuminazione delle città attraverso nuovi progetti sostenibili e all’avanguardia, partecipando all'evoluzione di un settore nuovo, poco esplorato e con ampi margini di crescita. La partecipazione, inoltre, consente ai partecipanti di entrare in una rete finalizzata a far incontrare idee, talenti, mezzi e competenze e a favorire il confronto e la crescita delle giovani imprese del settore.

 

Ulteriori informazioni

startuplightup.talentgarden.org

mostra
Iscriviti a News